Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Motta di Livenza, titoli di credito intestati a finte società o denunciati come smarriti

ACQUISTANO 110MILA EURO DI VINO CON ASSEGNI SCOPERTI

Denunciati per truffa dai carabinieri due emiliani, Cantina raggirata


MOTTA DI LIVENZA - Avevano effettuato, da un'azienda vitivinicola di Motta di Livenza, varie ordinazioni di bottiglie di vino per un totale di 110mila euro, pagando con assegni scoperti l'imprenditore. Gli acquisti avvenivano attraverso società fittizie, appositamente create: la maxi-ordinazione era stata effettuata dopo altre che in precedenza erano state regolarmente pagate, per ottenere la fiducia del titolare della cantina. L'indagine dei carabinieri di Motta, partita nel novembre del 2011 e conclusa in questi giorni, ha portato a denunciare per truffa aggravata in concorso due cittadini originari dell'Emilia Romagna. Particolarmente complessa l'indagine condotta dai militari: i conti correnti a cui riconducevano gli assegni risultavano estinti da tempo ed erano intestati a finte società mentre di alcuni assegni era stato denunciato lo smarrimento.