Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dopo Aziz Quazbour, interrogato dal gip Silvio Maras anche Abderrazak El Zairi

RIMANGONO DIETRO LE SBARRE GLI AGGRESSORI DI CARMELO MEROTTO

Entrambi confessano il furto ma negano di aver colpito l'anziano


FARRA DI SOLIGO – (gp) Rimarranno dietro le sbarre in attesa di giudizio i due aggressori di Carmelo Merotto, l'81enne di Farra di Soligo picchiato e derubato nella sua casa di via Posmon lo scorso 23 dicembre. Dopo la convalida dell'arresto e la conferma della custodia cautelare in carcere nei confronti del 25enne marocchino Aziz Qazbour, il gip Silvio Maras ha adottato lo stesso provvedimento anche nei confronti del complice, il 31enne Abderrazak El Zairi. In presenza del suo legale, l'avvocato Jenny Lo Presti, il secondo rapinatore ha ammesso di essere entrato nella casa dell'anziano e di aver compiuto il furto, ma come il suo complice ha negato di aver alzato le mani contro Merotto incolpando del gesto il connazionale. Stessa versione fornita qualche giorno fa proprio da Qazbour il quale, difeso dall'avvocato Andrea Franchin, aveva scaricato le colpe proprio su El Zairi. Di certo c'è che entrambi sono chiamati a rispondere dei reati di rapina e lesioni personali in concorso. Un'altra cosa certa è che Carmelo Merotto, che fortunatamente si sta riprendendo dallo choc dell'aggressione, se la caverà con una trentina di giorni di prognosi e verrà dimesso tra domenica e lunedì. I fatti, come detto, si sono verificati nella notte del 23 dicembre scorso. Ad avvertire i carabinieri era stata, nel cuore della notte, una vicina di casa che aveva sentito le urla e i lamenti di Merotto, gettato a terra e colpito al volto con dei calci. Ai due nordafricani potrebbero essere attribuite altre due rapine commesse nella zona sempre con la stessa tecnica.