Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Contro le Zebre i Leoni padroni fin dai primi minuti

SECONDO DERBY IN CASA, VITTORIA DEL BENETTON 26 - 18

Secondo tempo sottotono per entrambe le formazioni


TREVISO - Vittoria anche nel secondo derby di RaboDirect PRO12 con le Zebre per il Benetton Treviso, padrone del campo sin dai primi minuti di gioco.

I Leoni partono a mille, con Tobie Botes che batte velocemente un calcio di punizione, creando una piattaforma ottimale per Kris Burton, che si dimostra specialista nei drop, realizzando i primi tre punti.

Pochi istanti e una giocata in touch di Valerio Bernabò crea il break, ben sostenuto da Robert Barbieri che purtroppo perde poi palla avanti.

Rispetto al match della settimana scorsa è un XV della Marca più pimpante sin dall'inizio. All'8' è Francesco Minto a portare avanti palla, per dare nuovamente a Kris Burton l'occasione del drop del 6-0.

La replica ospite al 15' è affidata al preciso piede di Orquera, con un calcio di punizione concesso per il mancato rotolamento di Bees Roux in ruck.

Le Zebre, tuttavia, rimangono con l'uomo in meno. Dopo un primo richiamo per Sarto (placcaggio alto su Luke McLean lanciato in meta), arriva il cartellino giallo per Bergamasco, per lo stesso fallo del compagno.

Ad approfittarne è subito ancora una volta Kris Burton che realizza il suo primo piazzato di giornata per il 9-3.

Prova a replicare sempre Orquera, ma il suo tentativo dalla distanza è decisamente laterale.

Il Benetton cerca allora di alzare ulteriormente il ritmo con una bella giocata in cui molti sono i giocatori che toccano palla. Tobie Botes riceve uno splendido riciclo da Alberto Sgarbi e viene placcato a pochi metri dalla linea.

Edoardo Gori è comunque a disposizione per ritornare nel ruolo di mediano di mischia, prendere palla e trovare lo spazio per arrivare al centro dei pali. Kris Burton trasforma e si va sul 16-3.

La squadra di casa pareggia, però, i conti degli uomini in campo, per un fallo di antigioco di Leonardo Ghiraldini.

A 1' dalla fine del primo tempo, Gonzalo Garcia prova i pali nel suo vecchio stadio e li centra con un gran calcio dalla distanza, ma Kris Burton replica proprio allo scadere per portare il parziale sul 19-6.

La ripresa si apre ancora una volta con Ghiraldini e compagni in attacco. Valerio Bernabò riesce ad intercettare un pallone e proprio il capitano dei trevigiani trova un varco lasciato aperto dalla difesa ospite e si invola in meta. 26-6 grazie alla trasformazione di Kris Burton.

La prima vera occasione di segnare per le Zebre arriva al 16' del secondo tempo, con Mauro Bergamasco lanciato ma che sembra arrivare corto, come conferma il Tmo Carlo Damasco.

Sulla mischia successiva, tuttavia, è il trevigiano (originario di Paese) Paolo Buso a trovare l'interno di Alberto Di Bernardo e a segnare la meta del 26-11, alla quale non si sommano i due punti della trasformazione per il palo colpito da Chillon.

Nel finale di gara, Venditti accorcia ulteriormente le distanze e, con la trasformazione di Tebaldi, il match termina sul 26-18.

 

MARCATORI: pt 2' e 8' Burton drop; 15' Orquera p.; 23' Burton p.; 27' Gori meta tr. Burton; 39' Garcia p.; 40' Burton p.; st 4' Ghiraldini meta tr. Burton; 17' Buso meta; 40' Venditti meta tr. Tebaldi.

BENETTON TREVISO: McLean; Nitoglia, Loamanu, Sgarbi, Gori; Burton (st 14' Di Bernardo), Botes (st 19' Semenzato); Barbieri (st 8' Budd), Zanni (st 8' Favaro), Derbyshire; Bernabò, Minto; Roux (pt 30' Cittadini), Ghiraldini (st 19' Ceccato), Muccignat (st 14' Rizzo). A disp.: Van Zyl. All. Smith.

ZEBRE: Buso; Venditti, Sinoti (st 29' Odiete), Garcia, Sarto; Orquera (st 13' Benettin), Chillon (st 19' Tebaldi); Van Schalkwyk, Bergamasco, Cattina (st 14' Cristiano); Van Vuren (st 38' Caffini), Geldenhuys; Redolfini (st 10' Ryan), Giazzon (st 14' Manici), Aguero (st 19' Perugini). All. Gajan.

ARBITRO: Liperini della Federazione Italiana.

NOTE: pt 19-6; spettatori: 5000 circa; cartellino giallo a: Bergamasco (pt 21'), Ghiraldini (pt 30'); RaboDirect Man of the Match: Edoardo Gori (Benetton Treviso); calciatori: Benetton Treviso 4/4 (Burton 4/4), Zebre 3/5 (Orquera 1/2, Garcia 1/1, Chillon 0/1, Tebaldi 1/1); punti in classifica: Benetton Treviso 4, Zebre 0.