Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I ragazzi hanno eliminato rifiuti e sterpaglie ed organizzato anche il Panevin

EX TELECOM L'OCCUPAZIONE PROSEGUIRÀ AD OLTRANZA

I giovani di Ztl: "Determinati a restare, non si arrivi allo sgmobero"


TREVISO - L'occupazione continua: sono determinati a restare all'interno dell'ex Telecom di via Dandolo, i ragazzi di Ztl Wake Up. Il gruppo di giovani attivisti è entrato il 27 dicembre scorso nel complesso abbandonato da anni, proseguendo la battaglia portata avanti da tempo sulla mancanza in città di spazi di aggregazione a fronte di molti immobili vuoti e in stato di degrado. Perdurando la loro permanenza in un'area privata (proprietaria risulta Tecla, immobiliare della compagnia telefonica), temono possa essere richiesto uno sgombero forzoso: "Quella autoritaria e repressiva sarebbe la risposta peggiore ad un problema sociale e politico- spiegano i rappresentanti del gruppo -. Nel caso non metteremo in atto forme di resistenza attiva, ma non siamo neppure disposti ad andarcene come nulla fosse, con l'illussione da parte di qualcuno che tutto poi venga presto dimenticato". Il 13 gennaio, alle 15, hanno organizzato un'assemblea pubblica aperta a cittadini, istituzioni ed associazioni proprio per stimolare una riflessione collettiva sul futuro dell'ex Telecom. I ragazzi del collettivo hanno ripulito gli edifici di immondizia e sterpaglia ed hanno eseguito i primi lavori di ripristino per renderli usufruibili: ora hanno in programma di ritinteggiare e mettere in sicurezza l'impianto elettrico del capannone di maggiori dimensioni. Nel frattempo hanno organizzato un nutrito calendario di eventi, laboratori e spettacoli, compreso il panevin per il quartiere di San Zeno la sera dell'Epifania.

Galleria fotograficaGalleria fotografica