Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sono chiamati a rispondere di turbata libertà d'incanto: in aula l'8 maggio

INCHIESTA "APPALTOPOLI": TUTTI RINVIATI A GIUDIZIO I 28 IMPUTATI

Caduta l'associazione per delinquere, contestata solo a nove di loro


TREVISO – (gp) Dopo aver disposto la trascrizione delle intercettazioni telefoniche che secondo l'accusa inchioderebbero gli imputati nel filone trevigiano dell'inchiesta su “Appaltopoli”, il gup Silvio Maras ha rinviato a giudizio tutte le 28 diverse persone accusate di turbata libertà d'incanto, facendo cadere l'accusa di associazione per delinquere che veniva contestata a nove di loro. Il caso scoppiato a Vicenza, e poi trasferitosi a Treviso, riguarda le indagini sui presunti accordi clandestini tra le aziende edili per condizionare le gare d'appalto è ancora distante dalla conclusione. Nel corso della scorsa udienza le eccezioni presentate dalle difese che chiedevano di escludere dal fascicolo alcune intercettazioni telefoniche erano state respinte tanto che il gup ne aveva disposto la trascrizione integrale. Per tutti gli imputati l'accusa e di turbata libertà d'incanto e, per nove di loro, si deve aggiungere anche quella di associazione per delinquere. Nel mirino della Procura ci sono opere pubbliche di varia natura: dalla strada di collegamento tra la frazione Villarazzo e il quartiere Valsugana a Castelfranco, all'asfaltatura delle strade comunali ad Asolo, dalla laminazione del bacino del torrente Muson a Treviso alla sistemazione di via Garibaldi a Roncade passando per il collegamento fognario tra San Biagio di Callalta e Biancade. Gli imputati dovranno presentarsi in aula il prossimo 8 maggio.