Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Assolto un 19enne dalle accuse di violenza sessuale e sequestro di persona

NON E' VERGINE: PER GIUSTIFICARLO AI GENITORI S'INVENTA UNO STUPRO

In aula emerge che la 16enne aveva già avuto più rapporti sessuali


VALDOBBIADENE – (gp) Aveva raccontato ai genitori di essere stata violentata da un ragazzo appena maggiorenne dopo essere stata sequestrata per tre giorni a Valdobbiadene. Ma la 16enne all'epoca dei fatti, risalenti allo scorso anno, avrebbe avuto soltanto paura della reazione di padre e madre alla notizia di non essere più vergine. I genitori, sentita la versione dei fatti della loro figlia, avevano presentato una denuncia ai carabinieri di Treviso che avevano avviato le indagini. Finito di fronte al gup Elena Rossi per rispondere di violenza sessuale su minore e sequestro di persona, il giovane marocchino, difeso dall'avvocato Fabio Venturino, è stato assolto con formula dubitativa dopo che una seconda verità sarebbe venuta a galla dopo l'incidente probatorio in cui venne ascoltata la giovane vittima e poi nel corso dell'udienza preliminare. Già in fase d'indagine gli investigatori avrebbero trovato sul profilo Facebook della 16enne diversi messaggi scambiati con le amiche in cui raccontava di aver avuto già rapporti sessuali completi con due ragazzi prima di averli anche con l'imputato. In più avrebbe addirittura ammesso di essere rimasta incinta e di aver abortito chimicamente, grazie all'aiuto di un'amica maggiorenne, assumendo la pillola Ru486. Circostanze che hanno minato, e non di poco, la versione resa dalla giovane agli inquirenti. Nel corso dell'incidente probatorio poi le contraddizioni e i punti oscuri nel racconto della 16enne sarebbero stati diversi. A cominciare dal fatto che avrebbe dichiarato inizialmente che l'imputato l'avrebbe segregata in casa e che non c'era la possibilità di uscire quando in realtà l'appartamento a Valdobbiadene era al primo piano e le finestre non erano sbarrate. La giovane avrebbe poi sempre avuto nella propria disponibilità il cellulare. Per non bastare l'imputato non solo avrebbe detto che non ci sarebbe stato nessun rapporto sessuale, ma avrebbe respinto ogni accusa in merito al sequestro. Il sospetto della difesa era che la giovane avesse inventato tutto per giustificare la perdita della verginità e per non subire l'ira dei genitori per i suoi comportamenti troppo occidentali. Sospetto avvalorato dal giudice che ha prosciolto l'imputato.