Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il biglietto-choc: "Non voglio il funerale", "Vendete la casa per pagare i debiti"

PENSIONE D'INVALIDITÀ A RISCHIO REVOCA, POI L'OMICIDIO SUICIDIO

Daniela aveva confessato la sua preoccupazione al fratello Antonio


MONTEBELLUNA - Daniela Venturato temeva che per alcuni cavilli di tipo burocratico il marito, Massimiliano Uccello, avrebbe perso la pensione di invalidità. Questo quanto la 52enne aveva confessato al fratello Antonio sabato scorso: da tempo soffriva di depressione ed aveva lasciato qualche anno fa il lavoro alla Osram per assistere il marito, da almeno 16 anni affetto da demenza senile. Un dramma della disperazione, la paura di non farcela: ci sarebbe questo alla base dell'omicidio-suicidio di vicolo San Lorenzo, a Montebelluna. Daniela e Massimo si sono tolti la vita ingerendo un mix letale di alcool e psicofarmaci: lunedì, nel tardo pomeriggio, è stata la figlia Irene a trovare i loro cadaveri. La ragazza, 30 anni, aveva tentato di contattarli al telefono domenica sera ma nessuno le aveva risposto. Il dramma si era già consumato, probabilmente già nella serata di sabato. Raggelante la scena a cui la figlia ha assistito: il padre era disteso a letto, in pigiama, sotto le lenzuola mentre la madre era distesa sul divano sotto una piccola coperta, indossava una tuta. La morte li ha certamente sorpresi nel sonno. Sul tavolo quello che è una sorta di testamento lasciato da Daniela. "Scusate tutti, non voglio funerali in chiesa ma solo una benedizione in obitorio, passate parola ai parenti. Usate la casa, vendetela o affittatela per pagare i debiti". All'interno dell'appartamento, trovato pulito e in ordine, sono stati sequestrati cinque bicchieri il cui contenuto sarà analizzato, e una "quantità industriale", dicono gli investigatori, di farmaci. Gli psicofarmaci sarebbero stati ingeriti, disciolti nel limoncello. Il pm De Bortoli ha già nel frattempo dato il nullaosta per i funerali della coppia; l'assenza di segni di violenza sui corpi e la quasi certa causa della morte di entrambi ha scongiurato anche l'ipotesi di un più accurato esame autoptico sui cadaveri.