Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Loria, prima la soffoca, la carica in auto e la incendia dopo un incidente: si salva

"NON MI HAI LAVATO IL COMPLETO DA CALCETTO", CERCA DI UCCIDERLA

Un impiegato 34enne arrestato per il tentato omicidio della moglie


LORIA - In un raptus di follia ha tentato di assassinare la moglie 30enne, tendendole un vero e proprio agguato: ha atteso il suo ritorno a casa, ha cercato di soffocarla e dopo averla caricata in auto, dopo un incidente, ha incendiato il mezzo. Poi è tornato a casa, credendo che la moglie fosse morta. Lei invece si è miracolosamente salvata ed ha avvertito i carabinieri che hanno arrestato l'uomo, un impiegato di 34 anni che dovrà rispondere ora di tentato omicidio. L'episodio è avvenuto nella serata di giovedì, poco dopo le 23.30, a Loria. La moglie anche lei impiegata, di ritorno da una cena aziendale, giunge al garage di casa. Qui ad attenderla, nascosto in un anfratto, c'è il marito che la aggredisce, la accusa di non “aver lavato il suo completo da calcetto”. Un motivo banale, banalissimo che fa scattare il più diabolico dei piani omicidi. Il 34enne cerca di strangolare la donna che sviene quasi immediatamente. L'uomo fa sedere la donna, ancora priva di sensi, sul sedile lato passeggero e percorre 6 km. La 30enne si risveglia improvvisamente e lui cerca nuovamente di strozzarla, facendola svenire ancora una volta. Lungo via Rosina a Spineda di Riese Pio X il mezzo, forse volontariamente, esce di strada, centra un palo dell'Enel e finisce in una scarpata. E' qui che l'uomo cerca di completare il suo piano omicida: cosparge il mezzo di benzina e lo incendia, con la moglie ancora all'interno, poi fugge attraverso i campi e fa ritorno a casa dove, ad attenderlo ci sono i figlioletti della coppia, di 4 e due anni e mezzo. L'impiegata però riesce miracolosamente a salvarsi grazie all'aiuto di un passante che avverte subito i carabinieri di quanto è successo. Il racconto della donna, sconvolta, incastra il marito che verrà arrestato poco dopo: l'uomo, raggiunto a casa, aveva già cercato di occultare i suoi vestiti intrisi di benzina. Ora si trova in una cella del carcere di Santa Bona. La donna è stata invece ricoverata nel reparto grandi ustionati di Padova: la sua prognosi resta per ora riservata.

“Sono preoccupato per i miei figli e per mia moglie. Non avevo intenzione di ucciderla”. Queste le poche dichiarazioni rilasciate da Andrea Loro, 32enne di Loria, tramite il suo legale, l'avvocato Lorenza Secoli, con il quale si è presentato di fronte al pm Valeria Sanzari per essere interrogato dopo aver cercato di ammazzare la moglie Matilde Ardia dando fuoco all'auto dopo aver fatto perdere i sensi alla donna. Al magistrato ha confessato quanto accaduto nella serata di giovedì, si è detto pentito ma avrebbe anche ammesso che l'intenzione era quella di sbarazzarsi della madre dei suoi figli, con la quale si era arrabbiato perché non gli aveva lavato la tuta da calcetto. 

L'interrogatorio di convalida dell'arresto si terrà lunedì mattina e probabilmente l'uomo darà una versione più completa dei fatti facendo trasparire quale sarà la sua linea difensiva. Sempre che non decida di avvalersi della facoltà di non rispondere.



Galleria fotograficaGalleria fotografica