Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma č festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il gip scioglierą la riserva in merito alla misura cautelare per Bruno Magri

OMICIDIO DI VIA GHIRADA: OGGI SI DECIDE SE INCARCERARE BRUNO

Tutto dipenderą dalla relazione dei medici del Ca' Foncello


TREVISO - (gp) Verrà sciolta quest'oggi la riserva in merito alla misura cautelare di Bruno Magri, lo studente 21enne finito in manette per aver ucciso il padre a coltellate nel loro appartamento di via Ghirada. Il gip Silvio Maras, dopo aver ricevuto la relazione dei medici dell'ospedale Ca' Foncello dove il giovane è piantonato da giovedì scorso, deciderà se il giovane sia compatibile o meno con la detenzione in carcere o se debba rimanere ancora sotto lo stretto controllo dei sanitari. Non sarebbe uno scandalo se venisse scelta una terza opzione: quella degli arresti domiciliari in attesa di giudizio sotto la supervisione dei servizi sociali, anche se sembra una strada difficilmente percorribile. Sicuramente sarebbe l'ipotesi preferita da Paula De Waal, che potrebbe così stare vicino al figlio e aiutarlo a uscire, dal punto di vista emotivo, da questa terribile situazione. Ipotesi, certo, tra le quali il gip ne sceglierà soltanto una, forse la più probabile: il trasferimento di Bruno nel carcere di Santa Bona.