Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, per˛, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

FedersolidarietÓ: "Date a noi lavorazioni destinate all'estero"

LA CRISI SULLE COOP SOCIALI: 500 ADDETTI A RISCHIO CIG

Manifestazione di soci e lavoratori sabato a Venezia: "Basta tagli"


TREVISO - La crisi non risparmia neppure le cooperative sociali. Una quindicina di queste realtà , nel corso del 2012, hanno dovuto ricorrere per la prima volta alla cassa integrazione, coinvolgendo circa 300 addetti. E i primi segnali fanno prevedere un'ulteriore aumento di casi per l'anno appena iniziato: almeno una ventina di coop, per quasi mezzo migliaio di lavoratori, dovrà chiedere ammortizzatori sociali. Federsolidarietà, la principale organizzazione di categoria, nella Marca riunisce 60 coop sociali, per oltre 6mila addetti ed un fatturato superiore a 170 milioni di euro all'anno. Forniscono assistenza e servizi specializzati ad anziani, minori, disabili, tossicodipendenti, detenuti oppure si occupano di produzione, dando lavoro a persone con handicap o disagio. A pesare sull'operatività è il drastico calo di risorse: i fondi stanziati a livello nazionale sono crollati dai 2 miliardi del 2008 ai 200 milioni dell'anno scorso. Una decurtazione solo in parte compensata da un maggior impegno degli enti locali e che incide non poco su società, per il loro tipo di attività, strettamente collegate al settore pubblico. Sabato da tutto il Veneto soci e lavoratori del comparto daranno vita ad un'assemblea a Mestre e poi ad una manifestazione sul ponte di Calatrava, scelto come simbolo della scarsa attenzione, non prevedendo rampe per i disabili. Eppure, ribadiscono i promotori, le cooperative sociali, oltre al servizio fornito a famiglie e comunità, potrebbero anche rappresentare un'alternativa alla delocalizzazione delle produzioni manifatturiere, grazie al loro costo del lavoro più contenuto. Una coop trevigiana, ad esempio, di recente ha rilevato il reparto divani che un mobilificio del Solighese aveva chiuso, per trasferire le lavorazioni in Estremo Oriente. Salvando così anche i sei dipendenti destinati al licenziamento.