Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Collocati a 113 investitori di alto profilo, di cui il 40% all'estero

A RUBA I BOND DI VENETO BANCA: RACCOLTI 400 MILIONI IN DUE ORE

Richieste per 620 milioni per l'obbligazione emessa dall'istituto


MONTEBELLUNA - Veneto Banca chiama e i mercati rispondono. Il bond a 2 anni e mezzo lanciato dall’istituto ha incontrato il favore di 113 investitori di alto profilo, il 40% dei quali esteri, permettendo di raccogliere 400 milioni di euro in poco più di due ore. La domanda è stata nettamente superiore al collocato, arrivando a toccare ordini per 620 milioni. L’obbligazione, con scadenza al 31 luglio 2015, offre una cedola fissa annuale del 4%. “Siamo molto soddisfatti dell’operazione – commenta l’amministratore delegato Vincenzo Consoli –, perché dimostra ancora una volta quale sia l’interesse di importanti banche e fund manager italiani ed europei nei confronti del nostro istituto. Gli operatori internazionali ci confermano la loro fiducia, tanto da continuare a investire nella nostra bella banca popolare nonostante lo scenario economico italiano dalle prospettive incerte”. L’operazione è stata curata dall’Istituto in collaborazione con Banca Imi, Deutsche Bank e Natixis.