Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula una 24enne dichiara: "voleva 20 euro a sera per portarci sulla strada"

PORTAVA LE LUCCIOLE SUL LUOGO DI LAVORO: UNA DI LORO LO INCASTRA

Alla sbarra un 65enne di Preganziol: "Sono io la vittima di un raggiro"


PREGANZIOL - (gp) “Ci chiedeva 20 euro a sera per accompagnarci nei luoghi in cui ci prostituivamo”. Parole pronunciate in aula da una delle lucciole che ha spedito a processo un 66enne di Preganziol per favoreggiamento della prostituzione, furto ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni. L'uomo, difeso dall'avvocato Paolo Pastre, dice invece di essere rimasto vittima di un raggiro. Secondo la procura l'uomo, da dicembre 2010 a luglio 2011 avrebbe prelevato dallo loro abitazione e accompagnato a prostituirsi quattro lucciole, avvisandole in alcuni casi della presenza nei dintorni delle forze dell'ordine e riportandole poi a casa a fine turno. Nei confronti di due di loro, per farsi restituire una somma di denaro concessa a titolo di mutuo sarebbe ricorso a ripetute minacce. E infine il 14 settembre 2011, prendendo di mira la più giovane, le avrebbe rubato la borsetta strappandogliela di dosso: all'interno, oltre agli effetti personali, c'erano anche 200 euro in contanti. Ma la storia sembra molto più intricata. L'uomo avrebbe conosciuto le due prostitute dopo una serata passata all'Odissea di Spresiano. Venuto a conoscenza che abitavano poco distante da lui, tra i tre sarebbe nata un'amicizia. Tanto che dopo qualche mese sarebbero arrivate le richieste di denaro da parte delle ragazze. “Ho bisogno di soldi perchè mia madre in Romania sta male. Ho chiesto un prestito in banca e il direttore mi ha detto che serve un garante. Mi aiuti?”. L'uomo, impietosito, si sarebbe reso disponibile. Ma una volta in banca il direttore ha detto che nemmeno con un garante avrebbe concesso il mutuo alla ragazza. L'obiettivo delle lucciole sarebbe allora cambiato: “Fallo tu il mutuo, e noi ti diamo i soldi ogni mese”. E così sarebbe andata: l'uomo avrebbe chiesto e ottenuto un prestito di 15 mila euro, li avrebbe dati alle giovani e non avrebbe più visto un soldo, a parte la prima rata. Per questo motivo avrebbe iniziato a tampinarle, minacciando di intraprendere vie legali contro di loro. Ma per vie legali, alla fine, sono andate proprio loro.