Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il video/ Concreta l'ipotesi di sgombero del collettivo Ztl Wake Up

EX TELECOM, ASSEMBLEA PUBBLICA CONTRO LO SGOMBERO

Continuano le attività, oggi vertice con Prefetto e Questura


TREVISO - Sembra essere sempre più concreto e immenente il momento dello sgombero, da parte delle forze dell'ordine, del collettivo Ztl Wake Up che un mese fa aveva occupato la sede abbandonata dell'ex Telecom, in via Dandolo. Il messaggio dell'azione testimoniava il bisogno e la volontà dei giovani di disporre un luogo di aggregazione dove poter riunirsi, organizzare e promuovere eventi e iniziative culturali per il territorio.

In pochi giorni il collettivo ha raccolto oltre un migliaio di firme a sostegno di questa esperienza e si è costituito un comitato di garanti composto da artisti, genitori e comuni cittadini.

Intanto continuano le attività: per oggi è stata organizzata un'assemblea pubblica per definire le prossime mobilitazioni contro l’ipotesi di sgombero esembrerebbe che una rappresentanza del collettivo abbia chiesto di ottenere, per domani, un incontro con il prefetto.

Continua anche il presidio dei giovani che a turno si danno i cambi per non lasciare vuoto lo stabile. Se lo sgombero dovesse verificarsi il collettivo ha dichiarato che farà resistenza passiva, quindi senza l'uso della forza.