Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Cognomi "conosciuti" tra i 231 morti nell'incendio della discoteca Kiss

ROGO A SANTA MARIA: DECINE DI ORIUNDI VENETI TRA LE VITTIME

Nello stato di Rio Grande do Sul si contano quasi 30 mila emigranti


RIO GRANDE DO SUL – (gp) Tra le 231 persone morte nel rogo divampato all'interno della discoteca Kiss di Santa Maria, cittadina a 300 chilometri da Porto Alegre, capitale dello stato brasiliano di Rio Grande do Sul, ci sono purtroppo decine di oriundi trevigiani e veneti. Leggendo i cognomi dei giovani contenuti nella lista delle vittime diramata dalle autorità brasiliane si scoprono infatti le loro origini venete. Un bollettino di guerra che riduce la distanza con la tragedia consumatasi a Santa Maria perchè proprio in quella città quasi 30 mila abitanti fanno parte della colonia di emigranti dalla nostra regione, circa un terzo del totale e più di un decimo provenienti proprio da Treviso. L'incendio che ha choccato il mondo intero ha mobilitato anche l'associazione Trevisani nel Mondo che è impegnata a contattare le proprie sezioni nella regione. Sono purtroppo più di 70 le vittime che hanno radici venete, e anche tra i feriti ci sono nostri discendenti.