Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oderzo, indagine dei carabinieri, fatale alla giovane il codice Imei del Nokia trafugato

RUBA UN CELLULARE A SCUOLA DENUNCIATA STUDENTESSA

16enne nei guai: sim gettata nel water, cellulare dato al fratello


ODERZO - Una studentessa 16enne di Oderzo è stata denunciata dai carabinieri per furto con destrezza: la giovanissima, nel settembre dello scorso anno aveva rubato dallo zainetto di una 15enne (approfittando dell'ora di educazione fisica), un telefono cellulare Nokia e poi si è subito liberata della sim gettandola nel water dei bagni. La 16enne, una volta giunta a casa, aveva poi ceduto il telefonino alla sorella minore e quindi al fratello 20enne. I carabinieri, grazie al codice Imei di cui ogni dispositivo è dotato, sono risaliti proprio al giovane che aveva in uso il cellulare. Dal suo racconto e dalle ammissioni della sorella gli investigatori hanno ricostruito la vicenda. Nei giorni scorsi sempre i carabinieri di Oderzo hanno arrestato e poi rimesso in libertà un 26enne del luogo: il ragazzo è stato trovato in possesso di munizionamento da guerra. Si trattava di alcuni proiettili, funzionanti, usati per pistole e mitragliatrici.