Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/244: AUSTRALIA E SUD AFRICA OPEN, DEBACLE AZZURRA

Italiani sottotono negli ultimi due tornei prima delle festività


TREVISO - Due tornei di rilievo dell’European Tour, prima di una breve pausa.  Ad Albany, New Providence, organizzato in combinata tra European Tour e PGA of Australia, si è giocato l’Isps Anda. sul percorso del Royal Pines (par 72) a Benowa, nel Queensland. Montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il militante leghista di San Biagio è l'unico dei 18 indagati a farsi interrogare

POLISIA VENETA 2: ENRICO ZANARDO DAL PM SI DICE ESTRANEO AI FATTI

"Mai avuto a che fare con l'MLPV. Non so nulla di stemmi, armi e divise"


TREVISO - (gp) Dei 18 indagati per associazione paramilitare nell'ambito dell'inchiesta “Polisia Veneta 2”, la posizione di uno di loro potrebbe venire stralciata e archiviata già in fase di indagini preliminari. Enrico Zanardo, militante della Lega Nord a San Biagio di Callalta, è infatti l'unico a essersi presentato, tra l'altro spontaneamente, dal pm Giovanni Valmassoi per essere interrogato e ribadire la propria estraneità nella vicenda. Tramite i suoi legali, gli avvocati Antonio Pavan e Alessandra Nava, ha parlato con il magistrato ieri mattina per mettere nero su bianco la propria posizione, e di fatto per chiarirla. “Durante l'interrogatorio ha avuto modo di precisare di non aver avuto e di non aver nulla a che fare con il Movimento di Liberazione del Popolo Veneto e con gli scopi che perseguirebbe secondo l'ipotesi accusatoria – sottolineano gli avvocati Pavan e Nava - Invitato da un amico, il signor Zanardo ha partecipato a un'assemblea dell'associazione nel corso della quale si era discusso dell'aspetto storico del Veneto. Vista la sua preparazione (sta infatti ultimando gli studi universitari del corso di laurea in storia e filosofia presso l'Univesrità Ca' Foscari di Venezia), gli è stato chiesto di redigere un contributo a riguardo, cosa che Enrico Zanardo ha fatto. Di stemmi, armi, divise e gerarchie - continuano i legali – il nostro assistito non sa nulla, né tanto meno è stato rinvenuto niente nella sua abitazione”. Dichiarazioni che dovrebbero spingere il pm Valmassoi, anche in base alle prove fin qui raccolte, a firmare la richiesta di archiviazione per il militante leghista.