Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il militante leghista di San Biagio è l'unico dei 18 indagati a farsi interrogare

POLISIA VENETA 2: ENRICO ZANARDO DAL PM SI DICE ESTRANEO AI FATTI

"Mai avuto a che fare con l'MLPV. Non so nulla di stemmi, armi e divise"


TREVISO - (gp) Dei 18 indagati per associazione paramilitare nell'ambito dell'inchiesta “Polisia Veneta 2”, la posizione di uno di loro potrebbe venire stralciata e archiviata già in fase di indagini preliminari. Enrico Zanardo, militante della Lega Nord a San Biagio di Callalta, è infatti l'unico a essersi presentato, tra l'altro spontaneamente, dal pm Giovanni Valmassoi per essere interrogato e ribadire la propria estraneità nella vicenda. Tramite i suoi legali, gli avvocati Antonio Pavan e Alessandra Nava, ha parlato con il magistrato ieri mattina per mettere nero su bianco la propria posizione, e di fatto per chiarirla. “Durante l'interrogatorio ha avuto modo di precisare di non aver avuto e di non aver nulla a che fare con il Movimento di Liberazione del Popolo Veneto e con gli scopi che perseguirebbe secondo l'ipotesi accusatoria – sottolineano gli avvocati Pavan e Nava - Invitato da un amico, il signor Zanardo ha partecipato a un'assemblea dell'associazione nel corso della quale si era discusso dell'aspetto storico del Veneto. Vista la sua preparazione (sta infatti ultimando gli studi universitari del corso di laurea in storia e filosofia presso l'Univesrità Ca' Foscari di Venezia), gli è stato chiesto di redigere un contributo a riguardo, cosa che Enrico Zanardo ha fatto. Di stemmi, armi, divise e gerarchie - continuano i legali – il nostro assistito non sa nulla, né tanto meno è stato rinvenuto niente nella sua abitazione”. Dichiarazioni che dovrebbero spingere il pm Valmassoi, anche in base alle prove fin qui raccolte, a firmare la richiesta di archiviazione per il militante leghista.