Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, replica alle critiche sull'ordinanza che regola gli spettacoli viaggianti

DE CHECCHI: "TREVISO NON ╚ CONTRO GLI ARTISTI DI STRADA"

"Nella cittÓ tali attivitÓ non sono vietate ma regolamentate"


TREVISO - “Non capisco chi ha affermato sui giornali che non vogliamo artisti di strada o vogliamo allontanare la cultura dello spettacolo viaggiante: nulla di più falso” questa la risposta dell’assessore Andrea De Checchi alle critiche sulla proroga dell’ordinanza relativa agli spettacoli di strada emanata qualche giorno fa da Ca' Sugana. “Credo sia opportuno precisare che non vi è alcuna ordinanza che vieta a Treviso di svolgere attività di pubblico spettacolo o attività di artisti di strada. L’ordinanza di cui ho letto e ho sentito commenti del tutto a sproposito, riguarda il fatto che l’artista di strada deve essere identificato. Nel passato ci sono stati molteplici casi in cui alcuni facevano gli artisti di strada a determinate ore del giorno e in altre ore del giorno si dedicavano ad altre attività illegali.

Si tratterebbe, dunque, solo di un insieme di norme per regolare l’attività di artisti di strada, musicisti e madonnari. Che solo per il fatto di essere artisti non sono esonerati dal disporre di permesso di soggiorno regolare e fedina penale pulita e dal dichiarare il tipo di attività esercitata. Del resto  - continua l’assessore  - Se dire che i cosiddetti madonnari devono usare delle vernici che non imbrattino i monumenti o quant’altro è impedire la cultura, allora io mi chiedo cos’è garantire la cultura.”