Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il giudice ha accolto il patteggiamento di un 36enne trevigiano

SCHIAFFI ALLA COMPAGNA: 10 MESI PER MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA

L'uomo alla sbarra anche per il mancato versamento degli alimenti


TREVISO – (gp) Prima la separazione, poi il ritorno insieme. E nel mezzo una lunga serie di litigate per i motivi più diversi. Dalle parole non si era mai passati alle mani però, tranne una volta. Ma è bastato per mandare un 36enne trevigiano a processo non solo per maltrattamenti in famiglia, ma anche per non aver versato l'assegno di mantenimento all'ormai non più ex compagna. Comparso davanti al gup Silvio Maras, anche se la querela era stata ritirata dalla donna, il 36enne ha patteggiato dieci mesi di reclusione ottenendo la sospensione condizionale della pena. Difficile anche per gli inquirenti stabilire quando il loro rapporto si fosse incrinato. Molto più facile è stato invece circoscrivere l'episodio più grave grazie al certificato medico che la donna aveva fornito dopo essersi fatta medicare in pronto soccorso per i due schiaffi che l'avevano raggiunta all'occhio sinistro. I sanitari non avevano fortunatamente riscontrato danni gravi alla vista, e la prognosi era stata quantificata in meno di 5 giorni. Ma com'è d'obbligo in questi casi la vittima di violenza domestica ha sporto denuncia per quanto subìto, e anche se in un secondo momento il rapporto con l'ex compagno si è ristabilito, l'iter processuale è proseguito fino alla sentenza di condanna.