Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra per maltrattamenti in famiglia e lesioni un 34enne di Casale sul Sile

MASSACRA DI BOTTE LA FIDANZATA: CONDANNATO A DUE ANNI DI CELLA

Il giovane, in carcere dal 20 ottobre, ora è agli arresti domiciliari


CASALE SUL SILE – (gp) E' stato condannato a due anni di reclusione senza sospensione condizionale della pena, ma è stato scarcerato ottenendo la modifica della custodia cautelare agli arresti domiciliari. In sisntesi è l'esito del procedimento penale a carico di un 34enne di Casale sul Sile finito di fronte al giudice per rispondere di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Difeso dagli avvocato Ilaria Pempinella ed Enrico Marignani, il giovane ha risarcito la vittima (la sua ex fidanzata) con 6 mila euro, circostanza che ha permesso all'imputato di contenere la pena. A differenza di quanto sostenuto dagli inquirenti inizialmente, ovvero che a scatenare l'ira del 34enne sarebbe stato il fatto che l'ex fidanzata avesse sprecato l'ultima dose di cocaina rimasta su un tavolino del soggiorno della loro abitazione, in aula è emerso che il rapporto tra i due era da diversi anni diventato conflittuale, e che la goccia che ha fatto traboccare il vaso sarebbe stata una specifica azione della ragazza: querl 20 ottobre la giovane avrebbe preso dei soldi al suo ex senza dire nulla. Quando il 34enne se ne accorse, sarebbe iniziata la lite furibonda sfociata in una violenta aggressione. Il giovane avrebbe picchiato la ex con calci e pugni e lei avrebbe soltanto tentato di parare i colpi. Calmata la furia del ragazzo, la vittima si sarebbe confidata con un'amica la quale decise di chiamare i carabinieri. I militari, giunti nell'abitazione della coppia, avevano accompagnato la vittima in ospedale per essere medicata. Impietoso il responso dei sanitari: fratture costali multiple e trauma cranico non commotivo per una prognosi di 30 giorni.