Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra un noto imprenditore di Riese Pio X per maltrattamento di animali

SPARA AI GATTI DEI VICINI DI CASA: LA LAV PARTE CIVILE AL PROCESSO

Due i casi contestati: un micio morto e un altro ferito gravemente


RIESE PIO X – (gp) La Lav si è formalmente costituita parte civile, con l'avvocato Veronica De Pieri (nonché presidente provinciale della stessa associazione in difesa degli animali), nel procedimento penale a carico di un noto imprenditore di Riese Pio X finito alla sbarra per uccisione e maltrattamenti di animali. Stando alle accuse l'imputato avrebbe sparato a due gatti, uccidendone uno e ferendo gravemente l'altro, con un'arma da caccia che legalmente detiene ma soltanto per uso sportivo. La doppia azione incriminata si sarebbe verificata a fine 2010: l'uomo, mentre si trovava all'interno della sua solida attività legata al mondo della floricoltura, avrebbe mirato contro i due animali con l'intento di farli fuori. Il motivo? Stando alle accuse l'uomo avrebbe agito in quel modo per porre fine ai danni che i gatti che vivono nelle abitazioni vicine alla sua attività avrebbero causato alle piante nel corso dei mesi. Sarebbero diversi i mici contro i quali l'uomo avrebbe puntato la propria arma, ma soltanto nei due casi sembrano esserci le prove che sia stato effettivamente lui a premere il grilletto.