Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

L'Ascom: "Il Comune doveva pensare a come recuperare gli edifici vuoti"

BARBONI VIA DALL'EX PROVINCIA SCOPPIANO LE POLEMICHE

Vendrame (Cgil): "Contro i murti ci si va a schiantare"


TREVISO - “A forza di alzare muri, si finisce per schiantarsi contro uno di essi”. Ricorre ad una battuta amara Giacomo Vendrame, segretario provinciale della Cgil nel commentare la decisione di sbarrare il porticato dell'ex Provincia, dove trovavano rifugio alcuni clochard. Per il sindacalista è una soluzione che non porta a nulla, alimentando ulteriori problemi e riporta la città indietro di vent'anni “ai tempi delle panchine tolte agli immigrati”.

Per Guido Pomini, presidente dell'Ascom Confcommercio di Treviso, la situazione è l'inevitabile conseguenza del non aver programmato come riempire gli edifici lasciati vuoti dal risiko immobiliare.

Ed anche Mario Pozza, leader della Confartigianato della Marca, chiede che venga sbloccato il patto di stabilità affinchè i Comuni possano dar vita ad interventi urbanistici. Ciò consentirebbe, da un lato, di evitare condizioni di degrado e, dall'altro, di dare lavora a molte imprese in difficoltà.

 

 

 






Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
14/02/2013 - Barriere anti-barboni: Genty blinda l'ex sede della provincia