Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Archiviato il fascicolo a carico di Angelo Dammicco e Antonia Fregnan

TRAGEDIA DI MAROCCO: I NONNI NON HANNO RESPONSABILITĄ

Erano indagati per omicidio colposo per la morte della nipotina Vittoria


MOGLIANO VENETO - (gp) Si trattava di un atto dovuto, e come tale è stato archiviato. Il fascicolo aperto dal pm Gabriella Cama in merito alla morte di Vittoria Dammicco, la piccola di appena due anni deceduta il 27 agosto scorso dopo essere stata travolta da un vaso portafiori all'interno dell'abitazione dei nonni paterni in via Salvo D'Acquisto, una laterale di via Marignana a Marocco di Mogliano Veneto. Nel registro degli indagati erano stati iscritti, con l'ipotesi di reato di omicidio colposo, proprio i nonni, Angelo Dammicco e Antonia Fregnan. Una decisione presa dalla Procura per permettere di svolgere gli accertamenti del caso e fugare ogni dubbio sul fatto che si fosse trattato di una tragica fatalità. Gli esiti degli approfondimenti investigativi hanno infatti decretato che non è riscontrabile nessuna responsabilità a carico dei due coniugi che hanno assistito impotenti al decesso della loro nipotina. La piccola era infatti stata tenuta sempre sott'occhio da nonno e nonna e la tragedia si è consumata senza che potessero fare nulla per evitarla.