Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Critico il candidato sindaco Giovanni Manildo in merito alla decisione della giunta

"VIGILI IN VIA ROMA? MISURA TAMPONE, IL PROBLEMA RESTA"

Proposta per una Treviso "smart": "Lampioni come strumento d'allarme"


TREVISO - “Una misura “tampone” che non risolverà definitivamente il problema della sicurezza nei quartieri più a rischio”. Giovanni Manildo, candidato sindaco della coalizione Treviso Bene Comune, definisce così la decisione dalla giunta leghista di aumentare il presidio dei vigili urbani nella zona tra la stazione e Ponte San Martino. Una decisione che arriva dopo una lunga serie di lamentele da parte di commercianti e residenti che ogni sabato pomeriggio assistono all'arrivo di giovani, dall'atteggiamento non sempre pacifico, in quella che è ormai definita la “zona rossa” della città. “La presenza di un'altra pattuglia dei vigili servirà solo a tamponare l'emergenza, ma il problema non si risolverà – assicura il candidato sindaco - Gli amministratori leghisti stanno tentando di riprendere il controllo del territorio, ma la verità - prosegue Manildo - è che la situazione è sfuggita loro di mano. Dobbiamo rivitalizzare il centro di Treviso: le attività commerciali devono essere messe in condizione di guadagnare e i cittadini di tornare a scegliere la città anziché la periferia”. Manildo guarda poi alle esperienze delle altre realtà italiane dove l'idea di sicurezza va di pari passo con quella di città intelligente: “A Torino, nell'ambito del progetto sicurezza urbana, si è deciso di sfruttare le nuove tecnologie per trasformare i pali della luce in strumenti di allarme e videosorveglianza dei punti più critici della città. I costi sono più bassi si quelli previsti per i sistemi tradizionali. Senza contare che, muovendosi sulla base di idee “smart”, anche Treviso potrà pensare di accedere ai finanziamenti previsti dall'Europa.