Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lo spettacolo giovedì 14 marzo al Teatro Comunale Mario del Monaco

"ORFEO ED EURIDICE" DEL BALLET NATIONAL DE MARSEILLE A TREVISO

Sguardi e immagini, nell'interpretazione contemporanea del mito


TREVISO - Giovedì 14 marzo alle ore 20.45, al Teatro Comunale Mario del Monaco di Treviso andrà in scena Orfeo ed Euridice, interpretato dai danzatori del Ballet National de Marseille, compagnia fondata nel 1972 da Roland Petit. Il balletto, diretto da Frédéric Flamand, con musiche di Christoph W.Gluck nella versione di Hector Berlio e messa in scena di Hans Op de Beeck, traspone l'antico mito orfico nella nostra cultura contemporanea. La storia racconta il mito senza tempo di Orfeo, l'artista per eccellenza che, morta l’amata sposa Euridice, discende agli inferi per riportarla con sé alla vita. L'unica condizione è di non rivolgerle lo sguardo finché non saranno ritornati nel mondo.

Questo tema eterno viene collocato nel contesto di una città fittizia, in un ambiente che intreccia reale e virtuale, dove immagini effimere guidano e intrappolano il nostro sguardo. Il voltarsi indietro di Orfeo si presenta quindi come una metafora della nostra visione di fronte alle immagini onnipresenti e false dei mass-media che si annullano non appena si presentano. In questa interpretazione il mito orfico suggerisce una riflessione sul desiderio, sulla lotta tra il bene e il male, sull'impossibilità di non vedere e sulle ambiguità legate agli sguardi, rimandando da un lato alle prove che costruiscono il quotidiano di ogni uomo, dall’altra al periodo di mediatizzazione e virtualizzazione che stiamo vivendo.

 

Alle ore 20.00 al Ridotto del Teatro Comunale si terrà una conferenza di presentazione dello spettacolo a cura di Marinella Guatterini, giornalista ed esperta di danza.

L'incontro è aperto a tutti e ad ingresso libero.

 

Per info: www.teatrispa.it