Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato un 20enne di Vittorio Veneto beccato con 11,5 grammi di eroina

DA ASSUNTORE A PUSHER: IN CELLA STUDENTE UNIVERSITARIO

A gennaio fece arrestare il suo spacciatore, un 28enne tunisino


VITTORIO VENETO – (gp) Da assuntore a pusher. Questa l'evoluzione di uno studente universitario di 20 anni di Vittorio Veneto che lo ha portato all'arresto per spaccio di sostanze stupefacenti. A fine gennaio il ragazzo era stato beccato alla stazione di Conegliano con 3 grammi di eroina. Prima di essere segnalato alla Prefettura, il giovane aveva aiutato gli inquirenti a individuare il pusher che gliel'aveva venduta. I carabinieri di Vittorio Veneto, dopo una serie di appostamenti, avevano stretto le manette ai polsi di un tunisino di 28 anni: individuato alla stazione ferroviaria di Mestre, i militari lo avevano seguito fino all'interno di un autobus di linea. Perso il rifornitore, il 20enne avrebbe deciso di “mettersi in proprio” avviando, secondo gli inquirenti, un'attività di spaccio di eroina tra i giovanissimi trevigiani. Durante un controllo alla stazione di Ponte della Priula, lo studente universitario a Ca' Foscari è stato infatti beccato con 11,5 grammi di droga in sasso (dunque ancora da tagliare prima di essere venduta) e un bilancino di precisione. Arrestato per spaccio di stupefacenti, è stato messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.