Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato un 20enne di Vittorio Veneto beccato con 11,5 grammi di eroina

DA ASSUNTORE A PUSHER: IN CELLA STUDENTE UNIVERSITARIO

A gennaio fece arrestare il suo spacciatore, un 28enne tunisino


VITTORIO VENETO – (gp) Da assuntore a pusher. Questa l'evoluzione di uno studente universitario di 20 anni di Vittorio Veneto che lo ha portato all'arresto per spaccio di sostanze stupefacenti. A fine gennaio il ragazzo era stato beccato alla stazione di Conegliano con 3 grammi di eroina. Prima di essere segnalato alla Prefettura, il giovane aveva aiutato gli inquirenti a individuare il pusher che gliel'aveva venduta. I carabinieri di Vittorio Veneto, dopo una serie di appostamenti, avevano stretto le manette ai polsi di un tunisino di 28 anni: individuato alla stazione ferroviaria di Mestre, i militari lo avevano seguito fino all'interno di un autobus di linea. Perso il rifornitore, il 20enne avrebbe deciso di “mettersi in proprio” avviando, secondo gli inquirenti, un'attività di spaccio di eroina tra i giovanissimi trevigiani. Durante un controllo alla stazione di Ponte della Priula, lo studente universitario a Ca' Foscari è stato infatti beccato con 11,5 grammi di droga in sasso (dunque ancora da tagliare prima di essere venduta) e un bilancino di precisione. Arrestato per spaccio di stupefacenti, è stato messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.