Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Già impazzano i commenti sull'ipotesi avanzata dal presidente Fir Gavazzi

IL BENETTON RUGBY SI TRASFERISCE A ROMA? SMITH: "E' IMPENSABILE"

Pavanello: "Lo sport pro si regge sempre più sugli investimenti"


TREVISO - L'ipotesi auspicata dal presidente Fir, Gavazzi, di spostare il Benetton Rugby da Treviso a Roma per favorire gli interessi economici della famiglia di Ponzano, ha già messo in subbuglio il mondo "ovale" trevigiano. Ed i commenti sono naturalmente tutti negativi: nessuno vuole credere veramente di poter perdere un club glorioso che da poco ha compiuto 80 anni. Dice Franco Smith, allenatore: "Preferirei parlare d'altro, tra poco dovremo giocare una partita importante. Posso solo dire che all'estero una cosa del genere non sarebbe fattibile, anzi altrove le squadre le creano, ad esempio a Port Elizabeth sono nati i Southern Kings, in Australia i Melbourne Rebels, il Super 10 è diventato via via un campionato a 12, 14, 15 squadre."

Il capitano Antonio Pavanello è un po' più possibilista: "Lo sport professionistico dipende sempre più dai capitali che si è disposti ad investire: se si prende in considerazione l’ipotesi di spostarsi significa che qualche interesse c’è. Non so se questi interessi già esistano nel rugby, ma mi viene in mente il football americano, lì effettivamente ci sono franchigie che traslocano laddove conviene di più. La realtà italiana è distante da quella, chiaro, non escludo però che in futuro ci arriveremo."