Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviata a giudizio per maltrattamenti in famiglia una 50enne coneglianese

PICCHIA LE FIGLIE ADOTTIVE PER ANNI: MAMMA A PROCESSO

A denunciarla la sorella maggiore, che poi voleva ritirare la querela


CONEGLIANO – (gp) Per anni avrebbe picchiato le due figlie adottive. Finita di fronte al gup Silvio Maras per rispondere dell'accusa di maltrattamenti in famiglia, una mamma 50enne del coneglianese è stata rinviata a giudizio e dovrà presentarsi a processo, difesa dall'avvocato Daniele Bellot, a ottobre. Il legale della donna, già in sede di udienza preliminare, ha sottolineato alcune incongruenze nella vicenda, tanto da consigliare alla sua assistita di professare la propria innocenza a dibattimento evitando di scegliere riti alternativi che le avrebbero garantito uno sconto di un terzo della pena in caso di condanna. Le due sorelle erano state adottate nel 1999, anno in cui, stando alla denuncia presentata da quella più grande a fine 2011 (una volta diventata maggiorenne), sarebbero iniziate le prime vessazioni. Per tre anni, dal 2005 al 2008, le due minori erano state affidate dai servizi sociali a un'altra famiglia a causa dei dissidi tra la madre e il padre adottivi. A fine 2008 le due giovani erano tornate nella loro “prima casa”, e i maltrattamenti sarebbero continuati per altri tre anni, fino a quando la sorella maggiore, compiuti i 18 anni, se n'è andata di casa denunciando la madre. Due giorni dopo aver sporto querela però, è tornata nella caserma dei carabinieri per ritirarla, dicendo di aver agito in preda all'ira. Ma le indagini ormai erano avviate e, trattandosi di un reato perseguibile d'ufficio, la procura è andata avanti portando alla luce la vicenda.