Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica dedicata al mondo golfistico curata da Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/9: L'AGONISMO

La competizione è sentita sia da professionisti sia dai dilettanti


TREVISO - Non appuntamento con la nostra rubrica dedicata al mondo del golf, in onda su Sport dalla Marca, e curata assieme a noi dal giornalista Paolo Pilla. Questa settimana parliamo di agonismo.

L’agonismo è la combattività, lo strenuo impegno nella competizione, la ferma volontà di vincere una gara sportiva.

Oltre che dai professionisti, l’agonismo, nel golf, è praticato anche dai dilettanti, che sono, anzi, la quasi totalità dei giocatori. Il dilettante però, che partecipa alle competizioni che hanno carattere agonistico, ha l’obbligo di sottoporsi alla visita medica specifica tanto quanto i professionisti. Particolare attenzione viene posta per i giovani, che sono le promesse del golf. In tutti i circoli esiste una sezione per l’attività giovanile, che al suo interno ha la squadra agonistica, destinata a promuovere nei giovani la loro identificazione quali elementi idonei ad una crescita sportiva. Oltre alla ovvia preparazione tecnica, sono integrati l’allenamento fisico e la preparazione mentale. D’altro canto, è da queste squadre che emergeranno poi gli atleti destinati a diventare possibili campioni. E’ ovvio che l’agonismo del professionista guarda mete più alte, di ben maggiore impegno, in continuazione deve testare la sua affidabilità, la sua giornata è principalmente dedicata al golf. Solo al professionista sono riservati i premi in denaro, rigorosamente proibiti al dilettante. Come fatto cenno la volta scorsa, il golf, anche se a prima vista può non sembrare, è uno sport che vede notevole impegno fisico e considerevole impegno mentale. Non è facile, per chi non lo pratica, capire dove sta ”l’impegno rilevante”. Ci basti per ora considerare che una partita non è una semplice, salutare passeggiata. C’é la costante concentrazione da non mollare per tutto il percorso ipotizzabile in circa 8/10 Km, approssimativamente di cinque ore o più, nel contesto di una natura con possibili condizioni di tempo anche molto fastidiose (sole che picchia, afa, freddo, pioggia battente). La pioggia, infatti, anche se di notevole intensità, non impone la sospensione della partita, salvo che non arrivi ad allagare i green, o che sia accompagnata da fulmini, nel qual caso ci sarebbe situazione di pericolo, con l’inevitabile sospensione del gioco.

Alla conclusione di una partita, per il giocatore sarà stato un buon impegno fisico, maggiormente sopportabile, quanto maggiore sarà stato il suo allenamento. Se c’è stato risultato, lo vedrà gasato e felice, se risultato non c’è stato ma ha giocato in un bel campo e con buoni compagni, sarà comunque soddisfatto ed appagato.

“Competitive golf is played mainly on a five-and-a-half-inch course…the space between your ears.” La gara di golf si gioca per lo più su un campo lungo una spanna … lo spazio compreso tra le tue orecchie. (Bobby Jones, leggenda del golf)

Paolo Pilla


Galleria fotograficaGalleria fotografica

 

Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
03/04/2013 - Pillole di golf/8: Gioco o sport?
27/03/2013 - Pillole di golf/7: il Veneto e il Golf
20/03/2013 - Pillole di golf/6: le tappe in Veneto
13/03/2013 - Pillole di golf/5: Rocca e i suoi "fratelli"
06/03/2013 - Pillole di golf/4: esclusivo ma non elitario
27/02/2013 - Pillole di golf/3: la storia in Italia
20/02/2013 - Pillole di golf/2: le origini
13/02/2013 - Pillole di Golf/1: la filosofia del golf