Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il candidato sindaco di Treviso Bene Comune si scaglia contro i tagli all'illuminazione

MANILDO: "CADE ANCHE L'ULTIMO BALUARDO LEGHISTA, LA SICUREZZA"

Dopo Monigo anche via Cal di Breda è diventata l'obiettivo dei ladri


TREVISO - Cade anche l'ultimo baluardo leghista: la sicurezza. Dopo Monigo anche la zona di via Cal di Breda finisce preda dei ladri. A denunciare l'insicurezza in cui versa un altro quartiere cittadino sono gli stessi residenti che lamentano l'assenza di illuminazione notturna. “La Lega di Gentilini che tanto si faceva portavoce della sicurezza in città quando sono mancati i fondi su che cosa ha tagliato? Proprio sulla sicurezza dei cittadini”, è il commento del candidato sindaco della coalizione Treviso Bene Comune Giovanni Manildo. “Una strada illuminata genera sicurezza in chi la percorre e tiene distanti i malintenzionati. Tagliare sull'illuminazione perché le casse comunali piangono non è una buona scusa”, sottolinea Manildo. 
“Non possiamo più ragionare secondo logiche vecchie e ormai superate. Ricette buone per il passato quelle di Gentilini del tutto inadeguate per i tempi moderni”, continua Manildo. Come si può allora scegliere una soluzione diversa da quella proposta dal candidato della Lega Nord? Secondo Manildo puntando sulle nuove tecnologie e sulle potenzialità che la modernità propone: “Nel resto d'Europa e negli Stati Uniti il costo delle bollette si taglia grazie all'utilizzo di lampade a led ad alto risparmio energetico - dichiara Manildo - Una città smart, intelligente, come Treviso vuole e deve diventare prevede proprio questo: l'utilizzo di nuove energie attente all'ambiente e al portafogli dei cittadini”
E senza andare troppo lontano i lampioni a led sono già stati sperimentati anche a Parma. “Perché Treviso dovrebbe essere da meno?”, chiude il candidato.