Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'esperto: “Interessanti opportunità se le imprese si consorziano"

PUNTA ALL'INDIA IL FUTURO DELLE COSTRUZIONI DELLA MARCA

Mille miliardi stanziati dal governo per le infrastrutture


TREVISO - E' l'India il futuro per le imprese di costruzioni della Marca. Il governo di New Delhi ha stanziato un trilione di dollari (vale a dire mille miliardi) per i prossimi cinque anni, per ammodernare le infrastrutture del paese. La più grande democrazia del mondo è ancora piuttosto arretrata in questo settore e lo Stato, sulla scia della crescita socio-economico degli ultimi decenni, ha deciso di colmare il gap. Si possono così aprire interessanti opportunità anche per le aziende trevigiane e venete. Una carrellata di queste opportunità sono state presentate al mondo imprenditoriale nostrano in una serie di incontri coordinati dalla Gianni Grippo Origoni Cappeli e partner, uno dei maggiori studi legali specializzati nella consulenza agli investimenti all'estero. L'India, con oltre un miliardo e duecento milioni di abitanti, è uno dei paesi in maggior sviluppo. Certo le dimensioni d'impresa ridotte costituiscono un limite e richiedono consorzi o aggregazioni, sottolinea Rosario Zaccà, responsabile dell'ufficio “India” , ma il mercato indiano presenta alcuni vantaggi rispetto ad altri sbocchi internazionali, come ad esempio la Cina, anche per le piccole imprese trevigiane: in primo luogo, l'ampia diffusione a quasi tutta la popolazione della lingua inglese; un modello economico basato su imprese familiari con notevoli elementi in comune al nostro; la volontà delle istituzioni di ricreare delle aree economiche specializzate simili a quelli italiani; e, infine, nonostante le recenti tensioni per il caso dei marò, il generale apprezzamento e prestigio del made in Italy. Oltre ad una concorrenza minore: nel Subcontinente sono presenti circa 400 aziende italiane, contro le 4mila attive in Cina. Altri comparti con notevoli prospettive di crescita sono l'agroalimentare, le vendita al dettaglio, il medicale, il trattamento delle acque e dei rifiuti, i gioielli.