Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si è consegnato a Campobasso, noleggiava i camper per le trasferte della banda

RAPINA DA "TOFFOLATTI" A PIEVE IN CELLA ANCHE IL QUINTO BANDITO

Giovanni Verde, 33 anni, aveva partecipato al colpo l'8 novembre scorso


PIEVE DI SOLIGO - Si chiude definitivamente il cerchio sulla rapina dell'8 novembre scorso alla gioielleria "Toffolatti" di Pieve di Soligo in cui venne ferito con un colpo di pistola il figlio del titolare del negozio, Pierpaolo Toffolatti. Si è infatti costituito ai carabinieri di Campobasso il quinto bandito che aveva partecipato al colpo: si tratta di un 34enne originario di Giugliano (Napoli), Giovanni Verde. L'uomo finisce in cella dopo gli arresti di Francesco Sarracino, il capo del commando, suo nipote Giuseppe D'Aniello, di Giuseppe Mele, l'uomo che sparò a Tottolatti, ed il basista, la cui identità è rimasta ignota. Giovanni Verde era l'incaricato al noleggio dei camper con cui la banda si spostava da una regione all'altra per mettere a segno rapine. I carabinieri del reparto investigativo dei carabinieri di Treviso potrebbero attribuire al gruppo di malviventi altri quattro colpi ai danni di istituti di credito, messi a segno nella Marca tra il 2010 ed il 2012.