Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il processo va avanti senza un incidente probatorio sulle intercettazioni

DOPING NEL CICLISMO: IL GIUDICE RIGETTA LE RICHIESTE DELLE DIFESE

Tra i 31 imputati sono presenti anche cinque noti ciclisti trevigiani


MANTOVA - (gp) Dopo che il Coni aveva formalizzato la costituzione di parte civile nel processo a carico di 31 imputati scaturito dalla maxi inchiesta della Procura di Mantova sul doping nel ciclismo, il gup ha rigettato la richiesta delle difese di effettuare un incidente probatorio sulle intercettazioni telefoniche e ambientali su cui, di fatto, si basa gran parte dell'impianto accusatorio. “Si è persa un'occasione per andare subito al sodo della questione” ha commentato l'avvocato Fabio Pavone. Un'altra novità nell'udienza preliminare riguarda Fiorenzo Egeo Bonazzi, medico 57enne di Lonato accusato di aver eseguito delle trasfusioni di sangue in un ambulatorio convenzionato di Montichiari, la cui posizione è stata stralciata per competenza territoriale a Brescia. Rimangono dunque 30 gli imputati a Mantova, le cui posizioni verranno discusse dalle difese in quattro udienze già fissate tra giugno e luglio. Sono cinque i ciclisti trevigiani finiti sotto accusa: si tratta di Marzio Bruseghin, Alessandro Ballan, Marco Bandiera, Mauro Da Dalto e Mirco Lorenzetto. Assieme a loro altri nomi noti del ciclismo come Damiano Cunego o Emanuele Bartoli, ai quali si aggiunge l'ex campione Beppe Saronni, all'epoca dei fatti direttore generale della Lampre. Tutti, a vario titolo, sono accusati di aver commerciato, prescritto, somministrato o fatto uso di sostanze proibite per migliorare le prestazioni atletiche. Al centro dell’impianto accusatorio si troverebbero Guido Nigrelli, 58enne farmacista di Mariana Mantovana, e Sergio Gelati, 50enne preparatore atletico della società ciclistica Lampre.