Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La pallavolista trevigiana, classe 80, ha lasciato l'ospedale Niguarda di Milano

SARA ANZANELLO È STATA DIMESSA: HA VINTO LA SUA PARTITA PIÙ DURA

L'atleta aveva subìto un trapianto di fegato per una grave epatite


MILANO – (gp) La notizia che tutti aspettavano è arrivata: Sara Anzanello ha vinto la sua battaglia più difficile. Con un messaggio postato sulla pagina ufficiale Facebook della pallavolista 32enne di Ponte di Piave, lo staff di Sara Anzanello ha reso noto che l'atleta è stata dimessa dall'ospedale Niguarda di Milano dov'era stata ricoverata il 13 marzo scorso in condizioni gravissime per via di una grave forma di epatite contratta per cause ancora oggi sconosciute. “Sara continuerà il periodo di riabilitazione a casa con controlli periodici e frequenti sempre presso l'Ospedale Niguarda – continua il post su Facebook - Il primo passo verso il ritorno alla normalità". La centrale trevigiana, classe 80, campione del mondo nel 2002 e da due stagioni è in forze all'Azerrail Baku, squadra dell'Azerbaijan, era stata sottoposta a tempo di record a un trapianto di fegato. L'intervento era tecnicamente riuscito ma i medici milanesi si erano riservati la prognosi per il delicato decorso post operatorio. Ora tutto sembra essere andato per il meglio, con il ritorno a casa di Sara che ora potrà leggere le migliaia di messaggi di auguri che in queste settimane le hanno lasciato amici e tifosi.