Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Manifestazione non organizzata: nei guai Sergio Zulian e Nicola Vendraminetto

BLITZ ANTI-BENETTON, CINQUE DENUNCIATI DALLA DIGOS

Uova di vernice contro le vetrine dello store di piazza Indipendenza


TREVISO - La Digos della Questura di Treviso ha identificato e denunciato per imbrattamento tre giovani, di circa 20 anni e componenti del collettivo Ztl, protagonisti venerdì di un blitz ai danni del negozio Benetton di piazza Indipendenza, le cui vetrine sono state bersagliate dal lancio di alcune uova di vernice rossa. Contestualmente sono stati denunciati anche Sergio Zulian e Nicola Vendraminetto che dovranno rispondere di manifestazione non autorizzata. Il blitz è avvenuto venerdì, dopo la lezione-reading con il professor Ugo Mattei in piazza Aldo Moro a cui avevano partecipato gli attivisti del Collettivo Ztl; il sit in è stata occasione per protestare contro l'azienda trevigiana, coinvolta nel crollo di una palazzina-fabbrica a Dacca, in Bangladesh che ha provocato circa 500 vittime (nell'edificio venivano confezionati capi d'abbigliamento del gruppo trevigiano). Per questo, stando alla ricostruzione della Questura, un gruppetto dei componenti del Collettivo si è staccato per mettere a segno il blitz mentre altri hanno esposto uno striscione (“Dacca, Bangladesh, United Horrors of Benetton”).