Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Oderzo, gli investigatori: un migliaio di obiettivi da controllare e solo dieci vigilantes

POCHE GUARDIE GIURATE, STANGATA IN ARRIVO PER L'ISTITUTO CARNIEL

Quattro denunciati, Prefettura valuterà la sospensione della licenza


ODERZO - Personale troppo ridotto ed un numero eccessivo di obiettivi sensibili da controllare durante la notte: almeno un migliaio tra aziende, negozi, edifici pubblici ma anche banche, gioiellerie e persino parrocchie con solamente una decina di guardie giurate a disposizione. Questi i principali risvolti dell'indagine condotta dalla sezione amministrativa della Questura di Treviso nei confronti dell'istituto di vigilanza Carniel di Oderzo. Ad essere denunciati per inosservanze al testo unico di pubblica sicurezza la 74enne moglie del fondatore, il figlio 50enne, la figlia 46enne ed il dirigente dell'istituto, un 45enne di Santa Lucia. E' inoltre scattata da parte della polizia una segnalazione alla Prefettura che ora dovrà valutare la sospensione o revoca della licenza nei confronti della Carniel. L'indagine, ha riferito Ciro Pellone, dirigente della sezione amministrativa, ha preso avvio da una denuncia presentata alla polizia da un dipendente dell'istituto di vigilanza. L'uomo aveva raccontato di aver subito dai vertici della Carniel una sanzione disciplinare per non essere riuscito a controllare tutti gli obiettivi previsti nell'arco dell'orario di lavoro: il provvedimento preso nei suoi confronti non era stato segnalato alla Questura come è previsto dalla legge.