Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il Comune non persegue le lucciole che esercitano volontariamente in casa

"LE PROSTITUTE PAGHINO LE TASSE": LO CHIEDE IL SINDACO DI GODEGA AL GOVERNO

Alessandro Bonet scrive al ministro: "Risorse sottratte alla malavita"


GODEGA  S. URBANO - Tassare le prostitute. E' la richiesta di Alessandro Bonet, sindaco di Godega di Sant'Urbano, a Graziano Delrio, neoministro per gli Affari regionali. Già l'estate scorsa, l'amministrazione guidata da Bonet aveva applicato un regolamento di Polizia urbana che prevedeva di non perseguire chi si prostituiva volontariamente, in casa propria, senza recare disagi all'ordine e alla moralità pubblica. Un provvedimento – assicura il sindaco – che ha prodotto il risultato di ridurre notevolmente il traffico di lucciole e clienti lungo la statale Pontebbana. Ora, a fronte della grave crisi economica e della previsione di nuove imposte sui cittadini, il sindaco chiede al governo la possibilità di sottoporre al fisco anche le “belle di giorno”, recuperando così preziose risorse. “Chiedo che, attraverso l’abrogazione di parte della legge Merlin – scrive il primo cittadino in una lettera inviata al ministro -, si proceda con rapidità a normare e legalizzare il fenomeno in modo da poter garantire a chi volontariamente esercita la professione in casa propria adeguati controlli sanitari e al Comune di tassare quello che diventerebbe, a tutti gli effetti, un lavoro”

Bonet ricorda come, in Europa, diversi paesi abbiano regolamentazioni di questo tipo, senza alcuno scandalo. “Si eviterebbero fenomeni di sfruttamento, di violenza, degrado e malavita che ruotano attorno ad essa e, inoltre, fatto non trascurabile visto lo stato in cui vertono le finanze pubbliche, l’intero giro d’affari illegale, sarebbe sottratto agli sfruttatori e chiunque si prostituisce, in modo consenziente e sotto la propria responsabilità, entrerebbe a far parte della categoria dei lavoratori con medesimi diritti e doveri ivi compreso quello di pagare le tasse”.

 

Tassare le prostitute. E' la richiesta di Alessandro Bonet, sindaco di Godega di Sant'Urbano, a Graziano Delrio, neoministro per gli Affari regionali. Già l'estate scorsa, l'amministrazione guidata da Bonet aveva applicato un regolamento di Polizia urbana che prevedeva di non perseguire chi si prostituiva volontariamente, in casa propria, senza recare disagi all'ordine e alla moralità pubblica. Un provvedimento – assicura il sindaco – che ha prodotto il risultato di ridurre notevolmente il traffico di lucciole e clienti lungo la statale Pontebbana. Ora, a fronte della grave crisi economica e della previsione di nuove imposte sui cittadini, il sindaco chiede al governo la possibilità di sottoporre al fisco anche le “belle di giorno”, recuperando così preziose risorse. “Chiedo che, attraverso l’abrogazione di parte della legge Merlin – scrive il primo cittadino in una lettera inviata al ministro -, si proceda con rapidità a normare e legalizzare il fenomeno in modo da poter garantire a chi volontariamente esercita la professione in casa propria adeguati controlli sanitari e al Comune di tassare quello che diventerebbe, a tutti gli effetti, un lavoro”

Bonet ricorda come, in Europa, diversi paesi abbiano regolamentazioni di questo tipo, senza alcun scandalo. “Si eviterebbero fenomeni di sfruttamento, di violenza, degrado e malavita che ruotano attorno ad essa e, inoltre, fatto non trascurabile visto lo stato in cui vertono le finanze pubbliche, l’intero giro d’affari illegale, sarebbe sottratto agli sfruttatori e chiunque si prostituisce, in modo consenziente e sotto la propria responsabilità, entrerebbe a far parte della categoria dei lavoratori con medesimi diritti e doveri ivi compreso quello di pagare le tasse”.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
03/08/2012 - Godega Sant'Urbano apre le
porte alla prostituzione in casa