Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderą il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Fabbriche, ristoranti e aziende agricole alzano i sipari

ACCOGLIERE IL TEATRO NEI LUOGHI DEL LAVORO

Questa sera a Villa Cą Zane Martin di Dolo una cena con delitto


DOLO - Teatro, danza e musica entrano nei luoghi produttivi del territorio per “Luoghi del lavoro fatti di cultura”, una sezione della rassegna teatrale organizzata dall'associazione Echidna “Paesaggio con Uomini”, che fino al 16 giugno attraversa il territorio di 13 Comuni tra la Rivera del Brenta e il Miranese.

Cinque fabbriche, un ristorante e un’azienda agricola aprono le porte e accolgono l'arte scenica in azienda.

Questa sera, mercoledi 8 maggio, il programma dà appuntamento a tavola, in una storica villa Veneta di fine '400, per partecipare a una cena con delitto. Si entra al ristorante Villa Cà Zane Martin a Sambruson di Dolo, dove lo spettacolo “Le donne nel baule”, farà rivivere uno degli omicidi che lo storico veneziano Davide Busato ha raccontato nel suo libro “I serial killer della Serenissima”, nell’adattamento teatrale dell'attrice e regista Anna Novello. Assieme a Marco Artusi, Davide Dolores e Igi Meggiorin, ciascun commensale potrebbe essere testimone, complice o assassino e, tra un pasto e l’altro, chiunque potrebbe essere chiamato dall’Avogador di Comun a collaborare con la legge.

 

Sabato 11 maggio la rassegna prosegue per raccontare delle storie operaie del Novecento, di un tempo perduto ma non remoto in cui l'ingranaggio non è ancora stato sostituito dal microchip, né l'uomo dal robot alla catena di montaggio. La location è la Carraro Tech di Salzano, da 40 anni impegnata nella lavorazione dei metalli e della lamiera, dove il maestro burattinaio Gigio Brunello mette in scena lo spettacolo “Vite senza fine”, la storia di abilità artigianali, conoscenze tecniche, manualità, capacità inventiva e artigianale degli operai di Porto Marghera.

 

Cultura e impresa, ma non solo, Paesaggi con uomini invita mamme, papà e bambini a divertirsi e stupirsi insieme, venerdì 10 maggio, alla Scuola Elementare G. B. Rossi di Noale dove è in programma lo spettacolo di Roberto Abbiati “Una tazza di mare in tempesta”, tratto da Moby Dick di Melville che porterà il pubblico a fare un piccolo e originale viaggio grazie una magica installazione. Lo spettacolo, replicato 5 volte, prevede 20 spettatori alla volta.

 

Altro viaggio, fisico oltre che artistico, è quello chiuderà il cartellone il 16 giugno:

realizzato per il Comune di Campagnalupia in collaborazione con Regione Veneto – Sistemi Territoriali Spa, l’evento accompagna i passeggeri-spettatori in un percorso reale e visionario, lungo la linea che va da Venezia ad Adria e ritorno, sulla Vaca Mora, un treno che un tempo sbucava nero e fumante nelle nebbie della Brenta.

Stazione dopo stazione, assieme a Paolo Rumiz, Giuliano Scabia, Michele Sambin, Roberta Biagiarelli, Marta e Diego Dalla Via, Laura Moro, Cristina Verità, Alfredo Lacosegliaz, la Scuola di musica Theolius Monk e il Laboratorio di teatro di comunità di Campolongo Maggiore, ecco Treno d’Arte – Uomini storie e paesaggi sulla Vacamora.

 

Tutto il programma su www.echidnacultura.it




Galleria fotograficaGalleria fotografica