Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Valori sopra la media nazionale per i problemi cardiaci

OSPEDALI TREVIGIANI DI QUALIT└, MA A RISCHIO PER L'INFARTO

Il ministero della Salute calcola la quota di decessi nelle varie strutture


TREVISO - Risultati positivi in molte patologie, ma qualche valore sotto media nell'ambito cardiologico. E' una diagnosi con luci e qualche ombra quella sula sanità trevigiana che emerge dall'analisi della qualità degli ospedali italiani. L'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, del ministero della Salute, ha raccolto i dati relativi all'indice di rischio di tutti i 1.200 ospedali, pubblici e privati, d'Italia: vale a dire la percentuale di decessi rispetto ai ricoveri, per tutte le principali patologie. La rivista Wired ne a poi ricavato una vera e propria mappa dei nosocomi. La Marca mostra eccellenti prestazioni, ad esempio, nella cura del tumore gastrico: al Ca’ Foncello di Treviso la percentuale di morti è del 2,21, a Castelfranco del 2,5 , meno della metà della media nazionale del 5,88. Per l’ictus la mortalità a trenta giorni nell’ospedale di Vittorio Veneto è del 5,43, nel nosocomio del capoluogo provinciale dell’8,74, a Castelfranco del 9,9, mentre nell’intera penisola ci si attesta sul 9,94. Fa eccezione Conegliano, dove si raggiunge il 20,34. Soffrite di Bpco (Broncopneumopatia cronica ostruttiva, una grave malattia respiratoria)? Potete dirigervi all’ospedale vittoriese, dove l’indice di rischio è il 5,78% contro il 13,26 nazionale. Per la frattura del collo del femore (tipica patologia degli anziani), Montebelluna è al top con 1,64, ma hanno buone performance Vittorio (2,38), Conegliano (4,07), Ca’ Foncello (5,46).

Qualche problema, invece, in ambito cardiologico: nell’infarto al miocardio Treviso, Castelfranco e Conegliano sono tutte sopra la media nazionale del 10,95. Valori oltre lo standard anche con l’utilizzo dell’angioplastica (6,26 a Ca’ Foncello e 7,79 a Conegliano contro il 4,81 generale). Per lo scompenso cardiaco Montebelluna e Conegliano evidenziano indici inferiori al dato complessivo (6,15 e 7,73 su 8,79), ma gli altri ospedali trevigiani sono oltre soglia: 10,01 a Treviso, 14,18 ad Oderzo, 16,29 a Castelfranco.