Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venezia, "vampiri" alla Petroven di Marghera, 10 arrestati

MANETTE ALLA CRICCA DEL GASOLIO COINVOLTI TRE TREVIGIANI

In cella Natalino De Vidi, Fabrizio Perissinotto e Andrea Faraon


VENEZIA - Fabrizio Perissinotto, 38enne di Silea e Natalino De Vidi, 52enne di Biancade, entrambi autotrasportatori ed il benzinaio moglianese, Andrea Faraon, 38 anni: sono questi i nomi dei tre trevigiani arrestati dalla Digos della Questura di Venezia e componenti di una gang di "vampiri del gasolio" che faceva sparire carburante dalla Petroven di Marghera per poi rivenderlo sotto costo. Almeno un milione di euro il valore del gasolio trafugato all'azienda del gruppo Eni. La banda, composta in tutto da dieci persone, coinvolgeva dipendenti infedeli della stessa Petroven, autotrasportatori esterni e persino un "picchiatore esterno" utilizzato per minacciare chi si opponeva all'organizzazione.