Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venezia, "vampiri" alla Petroven di Marghera, 10 arrestati

MANETTE ALLA CRICCA DEL GASOLIO COINVOLTI TRE TREVIGIANI

In cella Natalino De Vidi, Fabrizio Perissinotto e Andrea Faraon


VENEZIA - Fabrizio Perissinotto, 38enne di Silea e Natalino De Vidi, 52enne di Biancade, entrambi autotrasportatori ed il benzinaio moglianese, Andrea Faraon, 38 anni: sono questi i nomi dei tre trevigiani arrestati dalla Digos della Questura di Venezia e componenti di una gang di "vampiri del gasolio" che faceva sparire carburante dalla Petroven di Marghera per poi rivenderlo sotto costo. Almeno un milione di euro il valore del gasolio trafugato all'azienda del gruppo Eni. La banda, composta in tutto da dieci persone, coinvolgeva dipendenti infedeli della stessa Petroven, autotrasportatori esterni e persino un "picchiatore esterno" utilizzato per minacciare chi si opponeva all'organizzazione.