Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venezia, "vampiri" alla Petroven di Marghera, 10 arrestati

MANETTE ALLA CRICCA DEL GASOLIO COINVOLTI TRE TREVIGIANI

In cella Natalino De Vidi, Fabrizio Perissinotto e Andrea Faraon


VENEZIA - Fabrizio Perissinotto, 38enne di Silea e Natalino De Vidi, 52enne di Biancade, entrambi autotrasportatori ed il benzinaio moglianese, Andrea Faraon, 38 anni: sono questi i nomi dei tre trevigiani arrestati dalla Digos della Questura di Venezia e componenti di una gang di "vampiri del gasolio" che faceva sparire carburante dalla Petroven di Marghera per poi rivenderlo sotto costo. Almeno un milione di euro il valore del gasolio trafugato all'azienda del gruppo Eni. La banda, composta in tutto da dieci persone, coinvolgeva dipendenti infedeli della stessa Petroven, autotrasportatori esterni e persino un "picchiatore esterno" utilizzato per minacciare chi si opponeva all'organizzazione.