Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venezia, "vampiri" alla Petroven di Marghera, 10 arrestati

MANETTE ALLA CRICCA DEL GASOLIO COINVOLTI TRE TREVIGIANI

In cella Natalino De Vidi, Fabrizio Perissinotto e Andrea Faraon


VENEZIA - Fabrizio Perissinotto, 38enne di Silea e Natalino De Vidi, 52enne di Biancade, entrambi autotrasportatori ed il benzinaio moglianese, Andrea Faraon, 38 anni: sono questi i nomi dei tre trevigiani arrestati dalla Digos della Questura di Venezia e componenti di una gang di "vampiri del gasolio" che faceva sparire carburante dalla Petroven di Marghera per poi rivenderlo sotto costo. Almeno un milione di euro il valore del gasolio trafugato all'azienda del gruppo Eni. La banda, composta in tutto da dieci persone, coinvolgeva dipendenti infedeli della stessa Petroven, autotrasportatori esterni e persino un "picchiatore esterno" utilizzato per minacciare chi si opponeva all'organizzazione.