Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un 43enne nigeriano ha patteggiato per il reato di maltrattamenti in famiglia

PICCHIA MOGLIE E FIGLI: DUE ANNI AL PADRE-PADRONE DI PREGANZIOL

Era stato arrestato nel febbraio scorso su ordine del gip di Treviso


PREGANZIOL – (gp) Ha patteggiato due anni di reclusione, ottenendo la sospensione condizionale della pena, il padre-padrone di Preganziol che secondo l'accusa avrebbe malmenato con calci e pugni la moglie e i due figli minorenni. L'uomo, un 43enne nigeriano difeso dall'avvocato Alessandra Nava, avrebbe anche vietato ai familiari di utilizzare alcune stanze della casa e perfino il divano che era per loro assolutamente off limits, come del resto la televisione. Anni di violenze fisiche e psicologiche su cui i carabinieri di Mogliano stavano indagando da tempo e che nel febbraio scorso avevano portato all'arresto del 43enne. Gli accertamenti effettuati dalla polizia giudiziaria avrebbero documentato le violenze di cui l'uomo si sarebbe reso responsabile fin dal 2009 quando i carabinieri, su segnalazione di alcuni vicini, intervennero dopo una furibonda sfuriata dell'africano. Episodi ripetuti per i quali il 43enne ha cercato e ottenuto un accordo con gli inquirenti patteggiando la pena.