Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la pi¨ importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Casale, ritrovati rifiuti di vario tipo, sigilli anche ad uffici e magazzini: erano abusivi

ACQUE REFLUE FINIVANO NEL SILE SEQUESTRATO CANTIERE NAVALE

Blitz della Gdf di Venezia, denunciato il responsabile dell'attivitÓ


CASALE SUL SILE - Il reparto operativo aereonavale della Guardia di Finanza di Venezia ha posto sotto sequestro per gravi violazioni ambientali un cantiere navale di Casale sul Sile, nell'ambito dell'operazione “Alcione” che ha visto l'esecuzione di una quarantina di controlli tra laguna veneta e i principali fiumi delle province di Treviso e Venezia. L'azienda finita nel mirino delle fiamme gialle si occupava in particolare di manutenzione, riparazione e demolizione di imbarcazioni, utilizzando un terreno che era però privo del sistema di raccolta delle acque reflue di lavorazioni che venivano riversate direttamente nel terreno e nel fiume Sile attraverso uno scarico abusivo. Nell'area, a due passi dal parco del Sile, sono stati rinvenuti rifiuti di vario tipo come residui di sabbiature di scafi, vernici, materiali provenienti da smantellamento e riparazione di imbarcazioni oltre a parti meccaniche di imbarcazioni. Denunciato dalle fiamme gialle il responsabile del cantiere navale; sequestrati inoltre otto piccoli edifici abusivi che erano adibiti a magazzini ed uffici.