Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Presentati i dati dell'Osservatorio Povertą e Risorse 2012

CARITAS, POVERTĄ SEMPRE PIŁ VICINA ANCHE PER GLI ITALIANI

Emergenza esodati, oltre il 25% di chiede aiuto ha pił di 51 anni


TREVISO - Caritas Tarvisina presenta i dati dell’osservatorio delle Povertà e delle Risorse 2012. Quinto anno di crisi economica e per l’osservatorio di Caritas è l’anno delle conferme: non c’è ripresa, le richieste d’aiuto aumentano, i vecchi utenti ritornano. E si tratta di una crisi che per il nostro territorio è ancora più profonda che se non ha visto la risoluzione delle povertà materiali ed economiche ha visto anzi l’acuirsi di quelle relazionali e di senso. Un dato allarmante è quello della prossimità territoriale della povertà, le richieste d’aiuto di italiani (il 20-22%) aumentano rispetto a quelle degli stranieri e spesso sono i disoccupati al di sopra dei 50 anni che si trovano nella spirale più pericolosa: la questione degli esodati sta emergendo con insistenza, oltre il 25 % di chiede aiuto ai Centri d’Ascolto ha più di 51 anni. Ma non è solo crisi del lavoro dipendente, gli imprenditori sono messi a dura prova dal mercato e spesso il fallimento d’impresa viene considerato come un fallimento esistenziale tanto più difficile da superare quanto più è forte l’isolamento. Di fronte a questa situazione da parte delle istituzioni sarebbero necessari interventi con una progettualità più sviluppata e una maggiore concertazione tra gli operatori in campo, ne parla ai nostri microfoni Don Davide Schiavon, direttore della Caritas Tarvisina.