Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannati due romeni di 25 e 26 anni: il colpo 48 ore dopo l'ingresso in Italia

TENTATA RAPINA AL MARKET: UN ANNO E SEI MESI AI MALVIVENTI

L'episodio incriminato risale al 7 agosto 2012 al Prix di Mareno di Piave


MARENO DI PIAVE – (gp) Un anno e sei mesi ciascuno per la tentata rapina al Prix di Mareno di Piave datato 7 agosto 2012. Alla sbarra erano finiti Darius Pacurar e Simion Cosmin Oprea, due cittadini romeni di 25 e 26 anni che al momento del tentativo di razziare il market avevano varcato il confine da meno di 48 ore. I due erano entrati come normali clienti all'interno dell'esercizio commerciale. La direzione del market li aveva notati mentre, camminando tra gli scaffali, infilavano della merce sotto i vestiti. Oltre a del cibo i due romeni avevano deciso di rifornirsi di cacciaviti, taglierini, lamette e altri arnesi da ferramenta. Una volta soddisfatti, avevano preso la via delle casse per pagare una bottiglia di birra e imboccare l'uscita. A due passi dalle porte vennero però fermati dall'addetto alla sicurezza che li aveva indirizzati verso l'ufficio per il controllo. Realizzando di essere stati scoperti, i due reagirono con violenza e iniziarono a picchiare l'uomo con calci e pugni. Liberatisi dell'addetto alla sicurezza pensavano di averla fatta franca ma all'uscita si ritrovarono di fronte i carabinieri di Susegana che erano stati allertati qualche minuto prima dalla direzione del Prix. Per entrambi scattarono immediati l'arresto per tentata rapina e il trasporto nel carcere di Santa Bona.