Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Quasi paritÓ, invece, tra chi lascia l'impiego per altri motivi

LAVORO A RISCHIO PER LE MAMME: BOOM DI DIMISSIONI ALLA DPL

488 donne hanno rinunciato per accudire i figli, contro 23 uomini


TREVISO - In meno di un anno, sono stati 547 i lavoratori trevigiani che si sono dimessi dalla propria azienda e le cui dimissioni sono state convalidate dalla Direzione provinciale del lavoro. La legge Fornero, infatti, impone un controllo da parte dell'organismo per accertare che la rinuncia al posto di lavoro sia effettivamente volontaria, e non forzata dal datore (il fenomeno delle cosiddette dimissioni in bianco). Tuttavia, se in questo tipo di recesso dal rapporto lavorativo vi è un sostanziale equilibrio tra uomini e donne (rispettivamente 303 e 244), il divario di amplia notevolmente riguardo alle dimissioni legate ai figli. La legge, infatti, prevede una sorta di “protezione” per le donne in gravidanza o per chi ha figli fino a tre anni, con una verifica della Dpl proprio per evitare licenziamenti mascherati. In questo caso, nel 2012, si sono dimesse 488 lavoratrici, contro appena 28 colleghi maschi. Effetto di una scarsa conoscenza delle normative da parte dei padri e di un carico familiare che continua a ricadere soprattutto sulle mamme. Ma anche di un rischio di maggiori discriminazioni verso le donne. In qualche caso, gli addetti della Dpl sono riusciti a trovare soluzioni alternative all'abbandono dell'impiego: di recente, ad esempio, una 39enne aveva presentato le proprie dimissioni da una ditta di prodotti per ufficio, non riuscendo più a conciliare il lavoro con la necessità di accudire il suo secondo figlio, nato da meno di un anno. Si è riusciti a organizzare un part time con orari compatibili alle esigenze familiari della signora, che così non ha dovuto rinunciare all'occupazione.