Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il patron di Famila annucia: "Nelle feste terremo chiuso"

CESTARO CONTRO LE APERTURE DOMENICALI, APPLAUSI DALLA MARCA

Confcommercio e sindacato: "Scelta positiva"


TREVISO - Alla schiera dei critici verso le aperture domenicali nel commercio si agginge anche Marcello Cestaro. Non un nome qualsiasi: Cestaro è il patron di Unicomm, gruppo della grande distribuzione organizzata che controlla, tra gli altri, la catena di supermercati Famila (dieci punti vendita nella Marca). L'imprenditore scledense ha dichiarato che i supermercati del suo gruppo terranno chiuso nelle festività.

Una decisione accolta con favore da Valentina Cremona, presidentessa provinciale e regionale di Terziario Donna di Confcommercio: "Stare in negozio 7 giorni su 7, senza pause e riposi, non significa aumentare la redditività del proprio punto vendita, né fornire maggiori servizi ai consumatori, ma appiattire la qualità della vita ed abbassare il livello umano e culturale della società e dei consumatori". Sei le motivazioni del no alle aperture indiscriminate, indicate da Cremona: "Non è così in Europa, non si crea “occupazione vera”, non si “aumenta il fatturato”, non si risponde a reali esigenze di acquisto, non si abbassano i prezzi per i consumatori, ed in particolare le donne, vengono private del diritto alla vita privata ed affettiva”.

Patrizia Manca, della Fisascat Cisl, sindacato di categoria, ribadisce: "Forse ci si sta rendendo conto che aprire la domenica non ha portato i benefici attesi dalle aziende, ma ha solo creato problemi soprattutto alle famiglie". Ma la sindacalista ammette anche come, per il momento, quello del Famila rischia di essere uno dei pochi segnali di cambiamento nel fronte della gdo.