Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica dedicata al mondo golfistico curata da Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/14: I CAMPI IN ITALIA

Panoramica dei più belli e prestigiosi circoli nella nostra penisola


Royal Park

TREVISO - In questo nuovo appuntamento dedicato al mondo del golf, assieme al nostro esperto Paolo Pilla, faremo un rapido ma attento viaggio lungo il territorio italiano per individuare quali sono - secondo il nostro modesto parere - i campi da golf più interessanti e belli sotto l'aspetto golfistico ma anche paesaggistico. Nel prossimo appuntamento parlaremo, invece, dettagliatamente solo delle realtà venete.

 

Una panoramica sui campi da golf in Italia. In Italia oggi ci sono poco più di 400 strutture registrate alla FIG, presenti per la maggior parte al nord. Molte meno sono al Sud, ma tra di esse alcune eccellenze. Per citarne qualcuna, su territori di natura incontaminata troviamo in Puglia lo stupendo Acaya nei pressi di Lecce, il San Domenico nei pressi di Savelletri adagiato sulla linea costiera rocciosa la cui masseria ti fa rivivere il contesto locale di un tempo; in Sicilia il Donna Fugata nel Ragusano di 36 buche, il Verdura a Sciacca, meta esclusiva e suggestiva d’Europa, che di buche ne ha ben 45; in Sardegna le splendide 18 buche del Pevero, prestigioso campo voluto dall’Aga Kahan sulla Costa Smeralda. Sono questi, campi importanti, molto belli, con club-house da favola, ben adatti ad offrirsi ai turisti di tutto il mondo. E’, la cosa, da sempre importante per lo sviluppo e per far conoscere le bellezze del Meridione. Risalendo lo Stivale, la Calabria ha poca cosa, la Basilicata nulla, la Campania anche poco, ma un campo a 36 buche c’è: il Volturno; L’Abruzzo ne ha due a 18; le Marche si fanno apprezzare con il “Conero” dove, alla suggestiva bellezza della terra marchigiana, unisci l’ospitalità della sua gente. Con il Lazio si cresce: La Regione può contare su trenta strutture di cui tre a 27 buche. Tra esse, l’Olgiata, che ha ospitato l’Open d’Italia nel 2002. A Sutri (VT), “Le querce”, che di recente ha cambiato nome diventando il “Nazionale”, ospita la casa del golf italiano. Qui, infatti, ha sede la “Scuola nazionale di Golf” e si tengono i corsi ed esami per chi intende diventare maestro di golf, direttore, segretario di Circolo. In Umbria spicca l’affascinante Antognolla, con tutto il suo percorso dominato dalla presenza del castello del XII secolo, un maniero medioevale in perfetto stato di conservazione. La Toscana è la più ricca del Centro Italia con quaranta belle realtà, dove eccelle il 27 buche “Castelfafi”, situato lungo la via Francigena, che ti regala un’atmosfera rilassata in un paesaggio mozzafiato. Spicca inoltre qui “Le Pavoniere”, in quel di Prato, progetto di Arnold Palmer, grande architetto e gran campione di golf. Proseguendo verso il nord, l’Emilia-Romagna si afferma bene con un buon numero di campi, tra cui si evidenziano le 27 buche di Cervia, racchiuse tra pineta e mare. La Liguria, una stretta lingua di terra dove il clima mite permette di giocare tutto l’anno, ha le sufficienti realtà per soddisfare indigeni e turisti. Tra i quattro a 18 buche spiccano Garlenda e Rapallo, percorsi difficili e spettacolari, in cui la scenografia è l’eccellenza. La Lombardia, con le sue 69 strutture, fa per numero e qualità, la parte del leone. Le più importanti per me le 27 buche di Arzaga, e dell’Albenza, le 36 buche del Castello di Tolcinasco opera del grande Palmer, che in Italia ne progettò tre di campi: Tolcinasco a Milano, Le Pavoniere a Prato, e Cà della Nave a Venezia. Il Piemonte vien secondo, ma solo per numero. Nelle sue 64 strutture, infatti, ci sono importanti campi storici, e belli: Il famoso Castelconturbia, lo storico “Conturbier Golf Course”, che fu il primo in Piemonte, ed era frequentato dai Savoia, 100 ettari sotto l’incombente fascino del Monte Rosa; per due volte ha ospitato l’Open d’Italia (nel ‘91 e nel ‘98), e nel 2003 ha avuto il riconoscimento di miglior campo d’Italia. Ben 4 sono a 36 buche: Bogogno, nella terra del vino (che purtroppo oggi è in cattive acque), Margara sui pendii delle colline del Monferrato, il Royal Park i Roveri, che ha ospitato l’Open d’Italia 2012 ed il Golf Torino, situato accanto al Royal Park dentro al parco della Mandria, forse il bosco planiziale più importante della pianura padana, che comprende anche la Reggia di Venaria Reale. Qui avrà luogo il prossimo Open d’Italia, dal 19 al 22 settembre 2013. La vicina Valle d’Aosta pur soffrendo la presenza della neve per buon periodo, dispone di gradevoli realtà, tra le quali spiccano le 18 buche del Cervino, percorso dal suggestivo panorama molto apprezzato in estate dal turista. Il Trentino-Alto Adige, coperto per buona parte dell’anno da una coltre bianca, possiede affascinanti campi stagionali, che testimoniano la grande cura che la popolazione rivolge alla natura. Grida la sua gioia dell’essere nel cuore delle Dolomiti, patrimonio dell’umanità. Significativo il precetto del golf Campo Carlo Magno a Madonna di Campiglio, sulle Dolomiti di Brenta: “Se sbagli un tiro, sarai felice di alzare gli occhi al cielo”. Già in essere dal 1921, il Circolo entrò a far parte della Federazione italiana nel 1923, risultando perciò il terzo campo da golf in Italia. Il Friuli Venezia Giulia, anch’esso terra di confine, offre una panoramica di situazioni diverse tra mare e montagna. Molto bello Lignano, particolarissimo Grado, felicemente inserito nell’oasi naturale della laguna che lo abbraccia, consentendo alla bora di rendere arduo il gioco. Del Veneto, che ci riguarda più da vicino, parleremo dettagliatamente la prossima settimana.

«L’unico posto in cui successo viene prima di sudore è il dizionario». Vidal Sassoon

(Paolo Pilla)


Galleria fotograficaGalleria fotografica

 

Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
14/05/2013 - Pillole di golf/13: campi da golf e natura
01/05/2013 - Pillole di golf/12: l'anima socializzante
24/04/2013 - Pillole di golf/11: l'etichetta
17/04/2013 - Pillole di golf/10: Uno sport, tante regole
10/04/2013 - Pillole di golf/9: l'agonismo
03/04/2013 - Pillole di golf/8: Gioco o sport?
27/03/2013 - Pillole di golf/7: il Veneto e il Golf
20/03/2013 - Pillole di golf/6: le tappe in Veneto
13/03/2013 - Pillole di golf/5: Rocca e i suoi "fratelli"
06/03/2013 - Pillole di golf/4: esclusivo ma non elitario
27/02/2013 - Pillole di golf/3: la storia in Italia
20/02/2013 - Pillole di golf/2: le origini
13/02/2013 - Pillole di Golf/1: la filosofia del golf