Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Asolo, contestati anche la resistenza a pubblico ufficiale e il danneggiamento

SFIORA CON L'AUTO UN FINANZIERE INDAGATO PER TENTATO OMICIDIO

Un 23enne alla guida di una Punto: fugge ad un posto di blocco


ASOLO - Stava percorrendo al volante della sua Fiat Punto la pedemontana: quando un finanziere ad un posto di blocco gli ha ordinato l'alt l'automobilista ha rallentato, accostando ed è poi subito ripartito rischiando di investire il militare. Una “bravata” questa che costerà carissima ad un 23enne di Asolo, incensurato, che è stato identificato e quindi denunciato dalla Guardia di Finanza per tentato omicidio, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. L'episodio è avvenuto la settimana scorsa lungo la Pedemontana tra Asolo e Monfumo. Grazie al numero di targa del veicolo “pirata” le fiamme gialle sono risalite prima al proprietario del mezzo, un parente del 23enne, quindi al responsabile che, messo alle strette, ha ammesso le sue responsabilità. Ad evitare che la bravata del ragazzo si trasformasse in tragedia è stata la prontezza di riflessi del finanziere che si è subito scansato, evitando che il mezzo lo travolgesse.


Galleria fotograficaGalleria fotografica