Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Treviso, cybercriminali inviano richiesta di denaro, dall'Indonesia, per il ripristino

HACKER ATTACCANO L'HOTEL E LO RICATTANO: "DATECI 50MILA DOLLARI"

Sabotaggio manda in tilt il sistema di prenotazioni: indaga la polposta


Tommaso Palumbo polizia postale

TREVISO - Un potente attacco degli hacker ha mandato completamente in tilt, poche settimane fa, il sistema di prenotazione di un noto albergo trevigiano: ignoti sono riusciti, attraverso un virus, a crittografare completamente il programma in uso ed hanno poi chiesto, via e-mail, una sorta di riscatto ovvero 50mila dollari per il ripristino. E' un intricato giallo su scala internazionale quello su cui sta indagando in questi giorni la polizia postale di Treviso: la richiesta di denaro arriva, attraverso altri server che fanno da "testa di ponte", da un indirizzo Ip indonesiano. Il sabotaggio, ora fortunatamente riparato, ha causato gravissimi disagi all'hotel vista l'impossibilità di gestire per via telematica le prenotazioni delle stanze. Sono sempre di più le imprese della Marca che sono vittime di crimini informatici: furono solo 4 due anni fa, 12 nel 2012 e quest'anno c'è stata un'impennata clamorosa con in media un sabotaggio alla settimana ai danni dei sistemi informatici delle imprese della nostra provincia. A livello regionale è emerso un altro clamoroso caso che ha interessato un'azienda manifatturiera del veronese che a causa di un virus informatico è stata costretta a chiedere per due settimane la cassa integrazione per i suoi 200 operai. L'azienda, ha accertato la polizia postale, aveva subito un attacco hacker da parte di alcuni ex dipendenti che ha portato alla totale cancellazione dei dati e il blocco del sistema informatico; da qui l'impossibilità a proseguire la produzione. Di questi temi si è discusso ampiamente stamani presso l'auditorium Appiani di Treviso nel corso della seconda tappa della Forensics roadshow 2013: l'incontro, a cui hanno preso parte il Questore Tommaso Cacciapaglia, i dirigenti della Questura di Treviso, il dirigente del compartimento della polizia postale di Venezia, Tommaso Palumbo (nella foto), è stato organizzato dall'azienda informatica montebellunese Yarix (da oltre 12 anni collabora con le forze dell'ordine) e dal sindacato di polizia Sap, presente con il segretario nazionale Michele Dressadore ed il segretario trevigiano, Gino Balbinot.


Galleria fotograficaGalleria fotografica