Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Refrontolo, il giovane è originario di Cosenza, inutile il suo tentativo di fuga

TRUFFA DELLO SPECCHIETTO, ARRESTATO 19ENNE

Nel mirino una 38enne: insospettita, ha subito avvertito i carabinieri


REFRONTOLO - Un 19enne originario di Cosenza è stato arrestato dai carabinieri dopo aver cercato di mettere a segno, a Refrontolo, la classica “truffa dello specchietto” ai danni di una 38enne di Pieve di Soligo. Quest'ultima viaggiava a bordo di un suv in direzione Conegliano-Pieve di Soligo lungo la strada provinciale 38: una Fiat Punto che la precedeva ha prima rallentato, ha poi accostato e si è fatta superare. In quel momento la 38enne ha sentito un rumore sulla carrozzeria. Il guidatore dell'utilitaria ha poi seguito la vettura della donna, costringedola ad accostare e accusandola poi del danneggiamento dello specchietto retrovisore. Un comportamento questo, messo in atto per decine di altri raggiri di questo tipo. La 38enne si è però insospettita del comportamento del 19enne quando questi si è rifiutato di compilare il modulo per la constatazione amichevole: il ragazzo voleva essere pagato subito. Lei, intuito il raggiro in cui stava cadendo, ha subito avvertito i carabinieri: inutile il tentativo di fuga del truffatore, fermato poco distante mentre tentava di dileguarsi. Per il 19enne è scattato l'arresto.