Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Refrontolo, il giovane è originario di Cosenza, inutile il suo tentativo di fuga

TRUFFA DELLO SPECCHIETTO, ARRESTATO 19ENNE

Nel mirino una 38enne: insospettita, ha subito avvertito i carabinieri


REFRONTOLO - Un 19enne originario di Cosenza è stato arrestato dai carabinieri dopo aver cercato di mettere a segno, a Refrontolo, la classica “truffa dello specchietto” ai danni di una 38enne di Pieve di Soligo. Quest'ultima viaggiava a bordo di un suv in direzione Conegliano-Pieve di Soligo lungo la strada provinciale 38: una Fiat Punto che la precedeva ha prima rallentato, ha poi accostato e si è fatta superare. In quel momento la 38enne ha sentito un rumore sulla carrozzeria. Il guidatore dell'utilitaria ha poi seguito la vettura della donna, costringedola ad accostare e accusandola poi del danneggiamento dello specchietto retrovisore. Un comportamento questo, messo in atto per decine di altri raggiri di questo tipo. La 38enne si è però insospettita del comportamento del 19enne quando questi si è rifiutato di compilare il modulo per la constatazione amichevole: il ragazzo voleva essere pagato subito. Lei, intuito il raggiro in cui stava cadendo, ha subito avvertito i carabinieri: inutile il tentativo di fuga del truffatore, fermato poco distante mentre tentava di dileguarsi. Per il 19enne è scattato l'arresto.