Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sacile, raid a febbraio alla MCZ, in cella altre tre persone, tra cui un magazziniere

MAXI FURTO DI STUFE A PELLET, IN CELLA IMPRENDITORE VITTORIESE

Walter Luccon, 44 anni, incastrato dalle indagini dei carabinieri


SACILE - Sono stati arrestati dai carabinieri di Sacile gli autori del furto di ben 291 stufe a pellet (bottino di 250mila euro) avvenuto nella notte tra il 22 ed il 23 marzo scorso all'interno della ditta MCZ group. Quattro le ordinanze di custodia di cautelare in carcere emesse dal gip del tribunale di Pordenone Alberto Rossi su richiesta del pm Maria Grazia Zaina. Tra le persone finite in manette c'è un imprenditore di Vittorio Veneto, Walter Luccon di 44 anni. Oltre a lui sono finiti in carcere Alberto Possamai, magazziniere 43enne di Sacile, Gianfranco Bellandi, imprenditore 51enne di Brescia e Giordano Damiani, 57enne di Montichiari, anche lui titolare di un'azienda. Posti sotto sequestro dai carabinieri alcuni capannoni in località Anzola dell'Emilia in cui è stata ritrovato materiale di dubbia provenienza per un valore di circa 100mila euro: si tratta di attrezzatura per il giardinaggio, alimentari ed altro. Le stufe rubate, da cui è partita l'indagine, erano state recuperate dai carabinieri il 29 aprile scorso nella zona industriale di Pastrengo (Verona).